Daniele Tamagni, fotografo freelance milanese.
Prima di intraprendere la professione di fotografo, studia storia dell’arte per poi “inciampare” nel mondo delle immagini attraverso la moda.
Ci spiega Daniele “La moda come concetto di bellezza, eleganza ma anche apparenza. Insomma….un modo d’essere!”.
Il fotografo ci presenta, nella lecture tenuta al PAN di Napoli, il lavoro che lo vede protagonista all’esposizione del World Press Photo.
un reportage su donne boliviane alle prese con un hobby bizzarro.

“Las Chulitas -continua Daniele-sono nella vita quotidiana donne commercianti che durante i momenti lontane dalle loro attivit , intraprendono la carriera di lottatrici”.
Questo reportage parte da una commissione di un lavoro in Bolivia.
Durante questa permanenza, Daniele ha modo di venire a conoscenza di un concorso di bellezza di Miss chulitas.
“Il discorso sulle donne boliviane è molto più ampio” tende a precisare Daniele.
Ci racconta di aver conosciuto la fondatrice del gruppo delle lottatrici Carmen Rosa.
Ci spiega che per i combattimenti, i ring vengono costruiti dagli stessi lottatori in vari luoghi di La Paz (a 4000 metri d’altezza).
La parte alta della capitale, quindi più fredda, è “riservata” alla gente povera mentre la parte bassa, con un clima più caldo e consono, è abitata dalla fetta più ricca della popolazione.
Le lottatrici vengono chiamate notoriamente las diosas de el ring e il gruppo si avvale della partecipazione di una decina di membri (5 donne e 5 uomini). Il combattimento viene messo in scena come un vero e proprio spettacolo con costumi differenti per uomini e donne.
Le donne vestono abiti vistosi, merlettati, colorati.
Gli uomini, invece, indossano costumi sobri ma con una particolare attenzione alle maschere che annullano l’identit  del lottatore per dare spazio all’interpretazione di un personaggio.
La fotografia di Daniele Tamagni vincitrice del World Press Photo, riassume in una parola il progetto nel suo insieme, la dinamicit , la violenza ma anche la delicatezza del tema trattato a molti purtroppo sconosciuto.
(3.continua)

Per saperne di più
www.worldpressphoto.it

Nelle foto, dall’alto, donna colpita durante un combattimento e la locanda di Carmen Rosa, fondatrice del gruppo di donne lottatrici a La Paz