Mezzanotte abbandonata da luna e stelle. Una coltre nera avvolge le ferite del bradisismo. Nel 1990 fatica, Pozzuoli, a riprendersi le glorie della Storia ma, nonostante sia messa in ginocchio dalle macerie dell’indifferenza, non si rassegna alla condanna del degrado. Ostinata reagisce all’inerzia con una piccola frase petulante e torva “Mai più”, la stessa del corvo disegnato dai versi di Edgar Allan Poe .
Ma il corvo di Pozzuoli non è solitario, n immobile. Intona le voci di un coro e diventa associazione culturale, prendendo slancio dall’idea (realizzata qualche mese prima) di una bottega d’arte ispirata a un autore, Aldo Zanetti, e sostenuta dall’energia di due donne, Maria Guarino e Silvana Palermo.
Vola da vent’anni con la forza della passione e l’amore per la cultura, inseguendo un traguardo ancora lontano: trasformare in luogo di rinascita artistica le rampe di San Giuseppe (dov’è la sua sede) prima sofferenti per l’instabilit  del suolo e chiuse alla realt , adesso riaperte soprattutto al fermento di pub e ristoranti. E da l, attraverso esposizioni, incontri, rassegne, il corvo arriva domani (8 giugno) a Napoli, a Castel Nuovo, svelando ventisei opere di Zanetti “Alla ricerca del tempo…” e dei suoi segreti, tra i misteri delle onde.
Il gioco del mare cattura Aldo nel labirinto delle sue seduzioni quando, ragazzino dodicenne (nel ’55) dalla periferia partenopea, raggiunge la terra del mito e della Solfatara con genitori e fratelli per le vacanze estive. Il colpo di fulmine lascia spazio alla lenta scoperta di un abbraccio da allora mai interrotto. Lo accompagna ogni giorno, quando, sedicenne, abita accanto a lui, in quel palazzo rosso di via Napoli che lo sovrasta e lo osserva a distanza ravvicinata. Da quel balcone, po’ per giocare, un po’ per esibirsi, si tuffa lasciandosi proteggere dagli imprevisti dell’acqua che s’infrange sugli scogli e inventa liquidi ricami d’istanti.
Paesaggi marini, conditi da sole e Vesuvio. Lampi d’icona mediterranea venduti dappertutto. Le tele si misurano in ore, imprigionate nelle richieste del mercato: guidato da un pittore che percorre questi sentieri, comincia cos il suo cammino tra i colori, dopo aver messo nel cassetto il diploma di “meccanico dentista”, inorridito da una frazione di futuro che gli balena improvvisamente nella mente, vedendosi tutta la vita curvo su un banchetto a battere capsule.
Punti di vista differenti lo separano dal “socio di vedute dipinte a raffica” e crea un suo laboratorio aperto agli allievi , ancora concentrato sulla ripetizione di scelte commerciali che finiscono per annoiarlo. Risorge nei suoi pensieri l’imperativo (soffocato) di interpretare l’indicibile.
Cos vere da sembrare scatti, le sue visioni. Tanto da costringerlo (nel 94) a collocare un cartello “Non sono fotografie” all’ ingresso della mostra organizzata dall’Ersva alla fortezza da Basso di Firenze (nel 94), incurante di fotografi inviperiti, decisi a rimuoverlo, mentre lui cerca di convincerli che non si tratta di una critica, ma di un’altra cosa, ci di dipinti.
Non è un nemico, piuttosto un amico indecifrabile, il mare. Non smette di porgli interrogativi inquietanti, sull’altalena degli opposti: fermare il movimento, afferrare gli inganni di luce, illuminare il buio. E’ la sua bussola, il suo orologio, la sua clessidra: quando le sue opere se ne allontanano (invase da cardi)il disagio dell’anima ha preso il sopravvento.
Inesorabile, ritorna, ruggente di tempesta. Gli suggerisce nuovi percorsi di una perfezione irraggiungibile, persino di notte, dall’alto della spalliera del letto dove lo ha raffigurato, nel suo rifugio che affaccia sul lago. E gli sussurra tentativi di armonie temporali dove il tramonto si stempera nella notte rischiarata da raggi lunari e le nuvole scure s’insinuano nei bagliori del giorno. Sa di avere in lui un ascoltatore instancabile, ubriaco di libert .

In alto, Aldo Zanetti (foto di Maria Volpe Prignano). In basso, una sua opera

L’ESPOSIZIONE

Aldo Zanetti, “Alla ricerca del tempo…”. Castel Nuovo , Napoli.La mostra è curata da Violetta Luongo. Intervengono Aldo Masullo, Aniello Montano e Nicola Oddati, sar  presente l’artista. Dall’8 giugno (inaugurazione ore 17.30) fino al 24 giugno 2010.

Per saperne di più:
Il Corvo: associazioneculturaleilcorvo@hotmail.it ; 3397664113

L’ARTISTA

Aldo Zanetti, classe 1943, nato a Casalnuovo, puteolano di adozione, è menzionato in un libro d’arte per la scuola media: Dino di Santo “Cre Art. Educazione artistica” , edizione Fratelli Ferraro e inserito nell’almanacco 2010 edizione Panico (Galatina Lecce).

PERSONALI

1991 Mostra alla Bottega D’arte Zanetti dell’Associazione “Il Corvo” di Pozzuoli
il 28 Settembre, Michelangelo Ragni legge poesie, Zanetti espone:
“ILMARE NELLA POESIA, LAPOESIA NEL MARE”

1994 Mostra alla Fortezza da B            6                  «    oè è á«sptLlibrined dd dpG7e:EèHlèNO» OJe
tnRpeKKKYT DeS pHKL   e
ET pMS swe7E
7lKpDnK
»E  »RLIKERESETeNULLSHARESLAVErPSIGNMIDptkoi8uRTRIM:eROWS ptxxïïxxxxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxáá    áØ t         t t áØ    K         î K 
       Øt K  t 
  è    èî  è èî   î î »     è  —t  t    î èî  :       è     î îî l a —    î    
:     îî  îè  îèî  w  è  îïn       a>    îï    w   èî  î     èî   ïèî Í—      ï   áØ  ï   ï   g      ï g —  î Øs    èî    e  g áØ     
 èî       ï è  ï     î  î ïè è  ï«è   ï è áØ ïî   x îè  ï    èè  è î    ea   îèî   èî  ï «  áØ ïèî 1 1lD Ø  è Ø t  K  è    ïØ  ØØa  Ø  ea   ï Ø   asso (Firenze) organizzata ERSVA (Campania)

1996 Mostra nella Bottega d’arte Zanetti dell’associazione culturale “Il Corvo” diPozzuoli dal 24 al 30 giugno, commenta Aniello Montano:
“IL MARE DI ALDO”

2000 Mostra organizzata dall’associazione culturale “Il Corvo” di Pozzuoli, interventi di Aniello Montano, Giuseppe Antonello Leone, Aldo Masullo e Maurizio Valenzi, 11- 18 novembre:
“OLTRE IL FINITO”

2001 Mostra organizzata dal centro culturale “L’approdo” di Avellino, dal 24 febbraio al 13 marzo, interventi di Franco Mancusi e Aniello Montano:
“FINITO INTERMINABILE”

2001 Mostra pittorica di Zanetti e presentazione “Racconti di Luna e racconti di Sole” di Floriana Craus, conversano Aniello Montano e Elio Varriale. Il 21 dicembre.

2002 Mostra ad Ascoli Piceno presso il Palazzo dei Capitani “Piazza del Popolo” organizzata dall’associazione ArteMisia, dal 29 marzo al 6 aprile:
“IN- DIFFERENZA”

2002 Mostra a Campiglia Marittima, Palazzo Pretorio, dal 15 giugno al 2 luglio:
“IL TEMPO ACQUA TERRA ARIA”

2003 Mostra pittorica dal 23 Febbraio al 1 Marzo in Pozzuoli, Chiostro Chiesa di SanVincenzo, interventi di Rossella Bonito Oliva e Aniello Montano:
“NEL TEMPO DI ALDO”

2003 Discussione e dibattito con le scuole medie Annecchino, Artiaco-Quasimodo, Diano, Pergolesi I e Pergolesi II di Pozzuoli, interventi di Flegra Bentivegna, Raffaele Giamminelli, Adele Pandolfi, Amato Lamberti, Aldo Zanetti e Ermanno Corsi:
“IL MARE”

2004 Mostra pittorica dal 21 Febbraio al 29 Febbraio in Pozzuoli, Palazzo Migliaresi Rione Terra, interventi di Pasquale Giacobbe, Rossella Bonito Oliva, Aniello Montano e Franco Mancusi:
“IL CANTO/IL COLORE”

2005 Mostra pittorica dal 17 Luglio al 23 Luglio in Procida, antica Chiesa di San Giacomo, interventi Enrico Scotto Di Carlo e Marisa Annecchino
“PROCIDA ALDO IL MARE”

2005 Mostra al Circolo Ufficiali della Marina Militare di Napoli dal 29 Novembre al 5 Dicembre, interventi di Antonio Polito (Capitano di Vascello), Maria Guarino, Franco Mancusi

2006 Mostra pittorica dal 7 Luglio al 30 Luglio in Procida, i Giardini di Elsa Morante (56 Sagra del Mare), a cura di Violetta Luongo, introduce Enrico Scotto Di Carlo, presenta Romolo Runcini:
“BLU VERDE GIALLO I Colori Di Procida”

2007 Mostra pittorica del 10 Maggio (48 Ore del Mare), presso la Stazione Marittima di Napoli, assorbita poi nel “Maggio dei Monumenti” fino al 10 Giugno, a cura di Violetta Luongo, Aniello Montano, introduce Nicola Coccia:
“IL MARE DI ALDO”

2007 Mostra pittorica dal 29 al 30 Settembre, presso la Congrega di Santa Maria del Soccorso, Comune di Maddaloni:
“SORELLA ACQUA”

2007 Mostra pittorica dal 14 al 18 dicembre, in Pozzuoli, nella Bottega d’Arte Zanetti dell’Associazione Culturale “il Corvo”, a cura di Violetta Luongo.

COLLETTIVE:

1995 Collettiva “ArteNapoli” in Castel Nuovo (Napoli) dal 15 al 29 settembre

1997 Gioved 17 e Gioved 24 Luglio eventi alla Casina Vanvitelliana al Fusaro, “Miscellanea” di Arte concreta, figurazione (Ambrosino, Antolini, Aury, Bandini, Botez, Brindisi, Cappelli, Carboni, Castello, De Rosa, Elli, Frappi, Fusi, Jannelli, Jannucci, Konkow, Lo Basso, Mazzotta, Micozzi, Monetti, Sandulli, Sangiovanni, Scazzosi, Scelza, Sciancalepore, Shicov, Squillantini, Sughi, Tonelli, Turina, Vignozzi, Zanetti, Zappal .

1998Conversazione su Leopardi e Renzi con Aniello Montano e Tiziana Celani, collettiva ” 10 Pittori” illustrano il sentimento del dolore: Ferdinando Ambrosino, Antonio Barbagallo, Gennaro Fabozzi, Adele Monaco, Renata Pagano, Gerardo Prota, Mario Sangiovanni, Mario Sangiovanni (il vecchio), Maurizio Valenzi e Aldo Zanetti presso L’associazione “Il Corvo” di Pozzuoli, il 19 dicembre:
“LEOPARDI 1798 1998”

2001 L’associazione “La Scala” di via dei Fiorentini di Napoli presenta il 1 Marzo la collettiva: A. Borrelli, G. Corbi, C. De Falco, G. Esposito, V. Fortunati, L. Galdo, A. Giannino, G. Antonello Leone, R. Matarese, L. Mazzella, R. Mazzella, R. Panaro, M. Persico, A. Pertino, N. Ruyu, V. Ruyu, D. Spinosa, A. Tammaro, T. Tammaro, V. Vastarelli, S. Vitagliano, R. Viviani, S. Williams, Aldo Zanetti.

2005 “La notte dei briganti” a Palazzo Venezia (via Benedetto Croce 19) di Napoli, il 1
Ottobre

Hanno scritto di lui:
Rossella Bonito Oliva, Giuseppe Antonello Leone, Violetta Luongo, Aldo Masullo, Michele Miscia, Aniello Montano, Romolo Runcini, Maurizio Valenzi, Sergio Zazzera