Donne in cerca di talento. Con la passione che ricarica le loro batterie anche nei momenti più difficili. Sono le “EnterprisinGirls” che, raccolte in un libro da Francesca Vitelli, edito da Dante & Descartes,  Di lava e d’acciaio. Storie di imprenditrici vulcaniche,  hanno contagiato tante altre, dando vita a un’associazione  presieduta dalla stessa Francesca, impegnata a incrementare  un network capace di creare opportunità di crescita attraverso la condivisione. L’unica della Campania ad aver vinto un concorso per partecipare all’Expo, selezionata dalla Commissione Ue nella piattaforma Wegate, insieme alle associazioni di imprese femminili di 32 paesi.
 E queste donne inossidabili  generano idee senza tregua. Una di queste è La danza di Partenop”, esposizione di Maria Carolina Siricio che, loro, le egirls, insieme a Banca Generali – Financial Planner di Napoli , presentano all’hotel San Francesco al monte, suggestivo e raffinato albergo nato dall’anima di un ex monastero del Cinquecento,  al corso Vittorio Emanuele,  con impareggiabile vista sulla città.
Le opere di Maria Carolina, dal 27 gennaio al 5 febbraio, respireranno nella cornice ricostruita di una grotta in fondo al mare. Partenope volteggia, bellissima e verace, simbolo universale di Napoli,  tra colori e forme, posandosi instancabile su materiali diversi come il legno oppure su oggetti  del nostro quotidiano, quali un  tavolino o una lampada. Rimbalza, si trasforma, si alimenta dello stupore che provoca in chi la contempla. Questa Partenope come la sua  mamma artistica, Maria Carolina, si rinnova e si trasforma continuamente.
Figlia della fine degli anni settanta, l’artista da bambina spalanca il suo sguardo, incuriosito dalla vita, sul mondo dell’arte e s’iscrive all’istituto napoletano Palizzi di piazzetta Salazar, allieva di maestri come Elio Waschimps e Enrico Cajati, di cui assorbe fino al cuore le visioni pittoriche. E approda, infine, all’ Accademia di Belle arti, dove si confronta con la fotografia, la plastica ornamentale e l’incisione calcografica.
Sperimentatrice instancabile, esplora, grazie a un corso in una scuola fiorentina nel 2015, le infinite possibilità della resina, per forgiare gioielli. E, ora, nel laboratorio di pittura e decorazione (arte di creare in via Crispi, 68 Napoli), che  ha messo su  con il socio Adriano, si dedica all’arredo delle case campane, tra emozioni che  dipingono la  bellezza e rendono  diverso ogni ambiente, partendo dai desideri di chi lo abita. Con l’entusiamo, sempre, della “prima volta”.
In foto, una delle opere che  Maria Carolina Siricio espone all’hotel San Francesco al monte
Per saperne di più
www.enterprisingirls.it