Correva l’anno 1983 e Emilio Buccafusca, pittore e poeta futurista era solito rifugiarsi fra le colline Caiatine e spesso faceva tappa a Caiazzo per assaggiare i dolci della Pasticceria Sparono.
Si intratteneva a chiacchierare con il pasticciere Don Peppino. Dai loro dialoghi e le loro parole, nasce il sospiro dell’Angelo, un semifreddo che oggi si è guadagnato la fama di dolce di Caiazzo. Per poterlo assaggiare? dovete mettervi in macchina e raggiungere la storica pasticceria, a pochi passi da Piazza Venere.
Una pasticceria che conserva poesia e arte negli ingredienti di quel semifreddo, suggerito dal futurista al pasticciere.
Oggi l’attività è portata avanti con lo stesso amore che Don Peppino è riuscito a diffondere nei suoi dolci e nella gente, dai figli Michele e Pietro.
Abbiamo incontrato Michele nel suo laboratorio mentre mani impastavano e creavano dolci che sarebbero poi andati a deliziare palati dei clienti affezionati o di chi in quella Piazza ci passa per lavoro o per piacere.
Caiazzo è un paesino incantevole, immerso nel verde, un posto tranquillo ma capace di ospitare realtà imprenditoriali che reggono da anni, forse con la parola “amore” e “sacrificio” si va davvero da qualche parte.
Michele ci racconta del padre, scomparso nel luglio scorso. La sua storia, la sua esperienza iniziata appena sedicenne in ristoranti del Casertano e dell’Aversano, dove ha appreso l’arte del mestiere. Ci parla di una persona semplice, umile, gentile che oggi vive ancora nei suoi dolci.
“Le dolci creazioni di Don Peppino”: rappresentative di una
cultura pasticciera tradizionale, del passato e presentate in una nuova veste moderna.
Qualche mese fa Il sospiro d’angelo® è stato brevettato e registrato. E’ un dolce simile allo zuccotto di origini toscane, con una forma a cupola. Nasce dall’unione del pan di Spagna con due diversi tipi di creme.
Il pan di Spagna viene imbevuto con una combinazione di acqua, zucchero e una particolare miscela di liquori. Agli strati di pan di Spagna vengono alternate due farciture, ognuna fatta con una particolare crema: per quella più esterna si usa crema bavarese arricchita con cioccolato fondente a scaglie, per quella centrale una particolare crema arricchita con nocciole delle Langhe. Il tutto avvolto da una cascata di cacao amaro. Vi consigliamo di andare a assaggiarlo e visitare Caiazzo.
©Riproduzione riservata
In pagina, proponiamo foto dalla pasticceria Sparono di Caiazzo, in provincia di Caserta

www.facebook.com/pasticceriasparono
Via G.B. Cattabeni 34/36
81013 Caiazzo
0823 868707