Il suono della parola torna da venerdì 10 a domenica 12 dicembre. Settima edizione per il festival di letteratura e musica prodotto dalla Fondazione Pietà de’ Turchini, a cura di MiNa vagante di Piera e Alessandra Cusani, con il sostegno del Ministero della cultura e della Regione Campania. L’iniziativa è realizzata nell’ambito della stagione 2021-2022 della Fondazione.
Partirà dopodomani nel segno dei giovani con la diretta streaming dall’Istituto Tecnico Fermi – Gadda di Poggioreale, per poi proseguire in presenza nella chiesa di Santa Caterina da Siena nel centro della città (via Santa Caterina da Siena 38).
Dal rap alla musica classica e l’opera lirica, dal ritmo delle parole ai tempi di attesa, dal racconto della città “musicale” fino alla “musica di vino”, 5 appuntamenti per parlare delle diverse forme di linguaggi e musica attraverso le preziose testimonianze di scrittori, musicisti e protagonisti del mondo culturale di oggi.
Amir Issaa, Cesare Moreno, Francesca Amirante, Paolo Giulierini, Michelangelo Iossa, Piero Sorrentino, Eduardo Savarese, Maria Grazia Schiavo, Lorenzo Pavolini, Raiz, Alberto Rollo, Ivano Leva, Giovanni Bietti, Luca Caponi (foto) ci condurranno ancora una volta in un viaggio nella letteratura, nella musica, nell’arte e nella vita.
Chiude la rassegna Musica di vino. Un viaggio attraverso i brindisi di grandi musicisti domenica 12 dicembre alle 11,30. Con Giovanni Bietti (pianoforte e narrazione) e Luca Caponi (percussioni).
Uno spettacolo attraverso Mozart, Haydn e Beethoven, da Schubert, a Brahms fino a Béla Bartók e Alban Berg, piccoli e deliziosi brani d’intrattenimento dedicati al vino. Per un brindisi musicale con il pubblico.
Per saperne di più
 http://www.turchini.it/
Il suono della parola
Per prenotarsi
coordinamento@turchini.it
L’accesso solo per chi ha il green pass. Necessaria la mascherina.

RISPONDI