Riaperti al pubblico i suoi tesori, la direzione regionale Musei Campania, attiva il sistema di prenotazione e acquisto online. In tempo di Covid ci si organizza così. Accogliendo le nuove abitudini e le richieste di turisti e visitatori abituali dei siti museali, per evitare file e assembramenti. Entrate contingentate, per consentire a tutti la sicurezza ma anche il proprio tempo per godere della visita.
Sono stati aggiunti anche due ticket point, in due luoghi facilmente raggiungibili della città, uno a Palazzo Reale e l’altro a Castel Sant’Elmo, dove sarà possibile acquistare il biglietto anche per gli altri musei napoletani della direzione, inclusi i siti di Villa Iovis (foto) e Certosa di San Giacomo a Capri.
Per la Certosa c’è un biglietto ridotto nei giorni infrasettimanali, mentre nel week-end sarà fornito il servizio di audioguida compreso nel biglietto di ingresso.
Le due biglietterie on site saranno attive da oggi con alcune novità: a Castel Sant’Elmo saranno disponibili i biglietti per i siti della collina del Vomero, Castel Sant’Elmo, Certosa e Museo di San Martino e Parco della Floridiana.
Alla seconda biglietteria, quella di Palazzo Reale, dove, dal 18 luglio prossimo, si potrà acquistare anche il biglietto per visitare il Museo delle carrozze e l’appartamento storico del Museo Pignatelli.
Sarà possibile entrare gratuitamente, per la stagione estiva, negli spazi verdi e nei giardini di Villa Pignatelli e del Parco della Floridiana, che sono tra i polmoni verdi più importanti della città.
Si restituiscono ai visitatori i circuiti di visita grazie alle strategie condivise con le istituzioni locali, le associazioni e gli operatori economici collegati alle azioni di valorizzazione e promozione del territorio.
Vince l’ottimismo “sostenibile”, con la voglia di scommettere sul futuro e, insieme, il senso di responsabilità, osservando tutte le regole imposte dall’emergenza sanitaria, ma con la consapevolezza dell’importanza di riannodare il senso della comunità e i valori identitari dei nostri luoghi della cultura.
Per saperne di più
www.coopculture.it
www.polomusealecampania.beniculturali.it

RISPONDI