Dodici giorni di appuntamenti e dibattiti. Al centro, il tema dei diritti umani, la loro tutela e garanzia. Quarantuno incontri ufficiali, ventitr film in concorso e ventitr fuori concorso scandiranno la durata del Festival del cinema che si svolger  a Napoli dall’ 8 al 20 novembre, giunto ormai alla sua quarta edizione. Gemellata fin dalla sua nascita col Festival del cinema di Buenos Aires, la rassegna ha come obiettivo e punto di riferimento il tema dei diritti che si accompagna al dovere delle istituzioni, sempre meno presenti in tal senso, di educare in questa direzione, abbattendo e cercando di prevenire la costruzione di barriere che favoriscono e incoraggiano la paura e, di conseguenza, il disprezzo per la diversit .
Si parte marted 8, con una giornata incentrata su tre argomenti diversi che saranno approfonditi in diversi luoghi della citt ,a partire alle 10.00 con la presentazione al cinema Astra (in via Mezzocannone 109) del libro “Le imprese recuperate in Argentina, dal crac alla socializzazione dell’economia” di Francesco Vigliarolo (edizioni citt  del sole). Vi partecipano l’autore(Universit  Cattolica di La Plata e Universit  nazionale di San Martn,Tonino Perna , Universit  di Messina), Oreste Ventrone (facolt  di sociologia Universit  degli studi di Napoli Federico II) e Antonello Petrillo (facolt  di Sociologia,Universit  degli studi di Napoli Suor Orsola Benincasa) per sviluppare il primo tema del giorno che riguarda le Fabbriche occupate Si prosegue alle 12.30, nella sede della facolt  di giurisprudenza dell’Universit  Federico II in via Marina 33, nell’aula A5, con “prospettive didattiche alternative in materia di diritti inviolabili della persona e tutela del minore nel sistema penale integrato”,a cura del dipartimento di scienze penalistiche dell’universit  e dell’associazione il Cantiere dell’alternativa-Diritti Cinema e Cultura,con la proiezione dei cortometraggi Stato Privato di Luigi Marmo e Compito in classe di Daniela Cascella. Seguir  un dibattito alla presenza dei registi, con gli interventi di Sergio Moccia e Clelia Iasevoli , moderati da Dea squillante(Sarno film Festival).La giornata si concluder  al cinema Pierrot di Ponticelli in via De Meis 58 (ore 20.30) con la proiezione del film “Pasta Nera” di Alessandro Piva,incentrato sul tema della migrazione dal sud al nord della penisola durante il dopoguerra, raccontandoci uno dei migliori esempi di solidariet  e spirito unitario nella storia del nostro Paese. Intervengono Antonella di Nocera, assessore alla cultura e al turismo del Comune di Napoli e Maurizio del Bufalo,coordinatore del festival del cinema dei diritti umani di Napoli.
Il festival si concluder  sabato 19 novembre con “Da Ellis Island a Riace,il futuro di un’utopia possibile”una serata dedicata al tema dell’accoglimento dei clandestini .
Tra il 15 ed il 17 novembre , in contemporanea col festival partenopeo, si svolger  all’ambasciata italiana di Buenos Aires una tre giorni di proiezioni di cinema napoletano, per rinvigorire il sodalizio tra le due manifestazioni e dare un segnale di presenza e di volont  di un ruolo attivo della citt  nella conquista e nel mantenimento dei diritti umani.

NOTA I film in concorso saranno proiettati al cinema “Academy Astra” dal 14 al 17 novembre. I premi saranno assegnati da una giuria specializzata, presieduta da Giulia Grassilli, presidente dello Human Rights Film Network e composta da registi, giornalisti e esperti di cinema e un premio speciale verr  conferito da una giuria composta da giovani studenti universitari.. I vincitori parteciperanno alla selezione dei film in concorso al XIII Festival DerHumALC di Buenos Aires del 2012.
Per saperne di più
www.cinenapolidiritti.it

In alto, un fotogramma da “Pasta Nera”