Otto fontanecompongono un “Percorso di luce” in una videoinstallazione nel centro storico di Capri. E quando lo spettatore si muove, ne modifica il flusso dell’acqua. E’ l’opera proposta dal fiorentino Michelangelo Bastiani, classe 1979, per la rassegna Capri The island of art,ideata dall’imprenditore culturale caprese Franco Senesi (fondatore di Liquid art System), che si inaugura venerd 4 settembre, alle 20, sulla piscina dell’Hotel Syrene di Capri in via Camerelle con Katharsis, esplosioni subacquee create per l’occasione dal ventisettenne giovane artista pesarese, Gianluca Panareo. Le esplosioni avvengono di fronte al pubblico, come un processo di purificazione. Cos l’isola dei faraglioni diventa palcoscenico internazionale del contemporaneo.
Coinvolti oltre 20 artisti dall’Italia e dal mondo, invitati a dialogare con l’incantevole scanario dell’isola. Performance, installazioni audio e video, sculture di grandi dimensioni, proiezioni in notturna, esposizioni al chiuso e all’aperto compongono un fitto programma che si protrae per quattro mesi (fino a dicembre) e che tocca anche la citt  di Napoli in un ponte ideale tra mare, terra e sottosuolo con il coinvolgimento delle Stazioni dell’Arte della Metropolitana e dei principali siti museali del contemporaneo.
All’interno del progetto, la mostra “Canone Inverso”in un’area della trecentesca Certosa di San Giacomo, la Canonica, che riapre al pubblico dopo un parziale recupero. Il più antico monastero di Capri si presenta come cuore pulsante della rassegna negli spazi della Canonica accoglier  quattro grandi istallazioni degli artisti Alessandro Cannistr , Peter Demetz, Rocco Dubbini, Gino Sabatini Odoardi in armonia tra sentimento e ragione.
Gli altri autori selezionati sono Michelangelo Bastiani, Elena Bellantoni, Blue & Joy, Laura Cionci, Michelangelo Consani, Andrea Di Cesare, Alice Grassi, Konstantin Khudyakov, Gianluca Panareo, Antonio Sannino, Leonardo Zaccone, Zino.
Dopo l’edizione zero del 2014, la manifestazione consolida il proprio format di evento diffuso sul territorio, tra spazi privati, grandi alberghi, strade, pareti di una casa, paesaggio. Si punta a coinvolgere il pubblico in un’esperienza diversa, stimolando emozioni culturali e sensoriali tra i luoghi dell’isola. Protagonista delle opere, la reinterpretazione di miti e storie di Capri. L’isola ridiviene musa ispiratrice di artisti, come lo è stata per secoli.

Per saperne di più
www.capritheislandofart.org/it/

Nelle foto, le installazioni di Panareo (in alto) e Bastiani