Suggestioni d’arte. Fino al 21 maggio, con la mostra A Dream of the Unknown, personale di Fernanda Veron a cura di Micol Di Veroli, alla galleria Overfoto in vico S. Pietro a Majella 6, Napoli.
Scatti di realt  parallela, ricordi incerti di qualcosa che non è accaduto nelle opere dell’artista, argentina trapiantata a Roma, non nuova alle indagini sulla componente spirituale ed esoterica dell’individuo. Le sue opere si alternano tra le indagini personali sui temi della memoria, sulla ricerca spirituale del mondo naturale e del mistero e sulle filosofie orientale e del mondo antico ed esoterico. Sogno dell’ignoto, viaggio nel mondo sconosciuto dell’onirico, nelle atmosphere familiari all’inconscio ma ancora estranee alla coscienza. Dice la curatrice “L’approdo nel limbo del sovrannaturale è segnato dalle forme arcane della serie Nigredo IR/9, una sorta di intimo percorso iconografico che racchiude criptici messaggi e primordiali strutture di comunicazione. Ogni attenzione si focalizza su soggetti presi in prestito dal quotidiano che si allungano verso l’imponderabile, costituendo un alfabeto alchemico affascinante ed al tempo stesso inquietante. Si manifesta cos il trionfo di un’estetica dell’ignoto dove le entit  positive si fondono con quelle negative generando un futuro possibile o un passato sepolto negli oscuri anfratti della memoria collettiva”.

La visita è una passeggiata sulla linea sottile che divide l’ignoto dallo sconosciuto, in quella terra di mezzo dove qualcosa ci è familiare ma non del tutto noto, aggrappato al reale ma da esso non soffocato.
Nella serie Nigredo IR/9 scorrono immagini oscure, demoniache, che evocano rituali tribali di civilt  lontane. Come ritratti delle ombre dell’anima, delle sue paure e dei suoi lati bui. Le sale di Los evoca, invece, la sensazione del sonno/veglia, di quel sogno molto vicino alla consapevolezza eppure ancora avvolto dal mistero della notte.

Info www.overfoto.it

In foto, un’opera in mostra