Imagine France. Un viaggio fantastico di Maia Flore al Grenoble di Napoli fino al 24 maggio. Una mostra di 30 fotografie , presentata a Roma in aprile ( sar  a Milano il 27 giugno) che ha percorso storia e cultura francesi tra luglio e settembre del 2013 in 25 luoghipiù noti e più visitati. L’Atout France e l’Institut Francais hanno voluto offrire uno scrocio insolito di castelli , chiese, monumenti.

Flore, inventando un personaggio fruitore originale che anima i luoghi, crea nuove immagini poetiche del luogo stimolando emozioni e fantasia del turista che viene invogliato a vedere, ispirato dall’artista.

Fotografa les thermes du Mont Dore ad Auvergne a 1050 di altitudine presenti in epoca romana, le Chateau Royal residenza di Carlo VIII, le Chateau de Blois luogo della corte nel Rinascimento, le palais des Papes ad Avignon, le grotte decorate con pitture rupestri di Ardeche, il castello di Beauregard con una galleria di 327 ritratti che ricordano 300 anni di storia (e Maia si sostituisce in foto a uno di essi, Dal a Montmartre), le Chateau du Clos-Luce in cui Leonardo “primo pittore” alla corte di Francesco I visse gli ultimi tre anni, le Musee Fabre di Montpellier con la collezione d’arte dal XV al XXI secolo e sotto un nudo si propone sul pavimento un abito simile a quello che la donna ha lasciato cadere ai suoi piedi, una donna corre tra gli specchi a le Mucem di Marseille museo passerella tra i popoli del Mediterraneo. Si ritrae in un momento di raccoglimento a l’Eglise Saint-Joseph di le Havre capolavoro architettonico con una torre-lanterna di 110 metri costellata da 12768 frammenti di vetro colorati con 50 diverse sfumature che illuminano un pavimento grezzo di cemento, si alza sulle punte per toccare i campanili di Notre-Dame.
Un viaggiatore solo e disperso nell’ex scalo merci di Lille trasformato in uno spazio d’arte contemporanea, abbraccia un arco du du Gard acquedotto romano, gigantesche arance a Nantes appese a l’Arbre a basket, le citadelle de Besancon, patrimonio dell’umanit  costruita da Vauban e voluta da Luigi XIV, una figura pende da un albero sul panorama di le chateau du Haut-Koenigsbourg, castello fiabesco medioevale nella piana dell’Alsazia, le chateau de Thoiry, in un parco con 104 specie di animali della fauna africana, è una architettura esoterica del Rinascimento, le Musee Lalique raccoglie opere della manifattura di vetro della fabbrica omonima, una donna china il capo sotto l’arco di un portale a la cite de l’architetture et du patri moine a Parigi che custodisce frammenti architettonici e calchi di gesso dal Medioevo a oggi. Le Pic du Midi e la Coupole Charvin sui Pirenei, lo specchio d’acqua più grande del mondo 3450 mq. a Bordeaux, costruito dall’architetto Michel Corajourd.
Palloni bianchi sparsi nell’ampia sala delle terme di Moint Dore ad Auvergne, nei giardini di Versailles si immerge in una fontana, la citt  di Carcassonne sulla piana dell’Aude con le sue 52 torri e 3 km di mura medioevali, nella Conciergerie di Parigi, ultima dimora carcere di Maria Antonietta, Maia sogna un tentativo di fuga della regina con una serie di sedie impilate tra loro per raggiungere la finestra gotica che squarcia la parete-muro alta 30 mt.

E’ una mostra interattiva di un viaggio alla scoperta o alla rivisitazione di luoghi della Storia di un Paese.

Maia Flore immagina, inventa, incontra i monumenti e i luoghi giocando con la fantasia in piena libert  espressiva, partecipa tra le mura con la magia dell’arte, fa vivere l’avventura, ripropone il mistero degli antichi castelli delle grotte delle cattedrali, coglie il fantastico e la magia degli scenari del passato.

Nelle foto, alcuni scatti in mostra