Una vita in bilico fino all’ultimo, quella del forum delle culture. Che si è svolto tra molte incertezze e un po’ in sordina rispetto alle premesse tanto strombazzate qualche anno fa. Ma il finale è di prestigio, anche se il concerto di Riccardo Muti (che torna nel luogo dove si diplomò con lode) nella sala Scarlatti del Conservatorio di San Pietro a Majella alle 20 non sar  per tutti. Prova generale aperta, invece, alle 17.
Il maestro guider  l’orchestra giovanile Luigi Cherubini per la Sinfonia n. 4 in do minore “Tragica” D 417 di Franz Schubert che il musicista austriaco compose nel 1816 all’et  di 19 anni. La prima esecuzione ebbe luogo a Lipsia il 19 novembre 1849, più di 20 anni dopo la sua morte.

L’Orchestra Cherubini è stata fondata da Muti (foto) nel 2004 ed è formata da giovani strumentisti italiani che, selezionati da una commissione formata dalle prime parti delle più prestigiose orchestre europee, sotto la sua guida, hanno la possibilit  di mettere a frutto la preparazione accademica allo scopo di raggiungere un altissimo livello professionale per poter poi trovare, dopo il limite di tre anni di permanenza nella Cherubini, una collocazione nelle migliori orchestre del mondo.
In questi 10 anni di vita, l’Orchestra giovanile, lavorando su un repertorio che attraversa quattro secoli di storia della musica, ha tenuto concerti da protagonista attraverso tourne in Europa e nei teatri di tutto il mondo.