Ha colpito il cuore di molti, nei secoli, quella passione tumultuosa finita nel sangue. E ora riempie le pagine  del nuovo romanzo di Miranda Miranda, Bellissima regina. Maria D’Avalos e Fabrizio Carafa, un drammatico amore. Un’immersione nella Napoli vicereale
che l’autrice propone ai lettori in una edizione di Scrittura & Scritture (collana Voci, pp.192 euro 13, 50).

Qui sopra, la copertina del libro.On alto, un momento della visita teatralizzata di NarteA teatralizzata Napoli, fantasmi ed altre storie,: tra i protagonsiti, Maria d'Avalos
Qui sopra, la copertina del libro. In alto, un momento della visita teatralizzata di NarteA “Napoli, fantasmi ed altre storie”: tra i protagonisti, Maria d’Avalos (ph Vittorio Sciosia)

Il libro sarà presentato venerdì 3 maggio, alle 18, alla Libreria Ubik (via B.
Croce, 28 Napoli). Relatore, il critico letterario Raffaele Messina, intermezzi musicali della
cantante Rita Salvarezza e letture interpretative dell’attore Fulvio Pastore.
Dopo il saggio narrativo Una vita da signorina (ovvero un viaggio nella raccolta più popolare della letteratura cosiddetta d’evasione) Miranda si tuffa di nuovo nel passato e ci porta nella città vicereale. A Palazzo San Severo.
Quattro anni sono trascorsi da quell’agosto del 1586, quando donna Maria d’Avalos andava in sposa a Carlo Gesualdo, principe di Venosa e noto madrigalista italiano. Matrimonio che è un sopruso prepotente, un’insopportabile imposizione. Con un marito, diffidente, geloso, possessivo, dedito alla composizione di musica malinconica.
A un  ballo Maria conosce il cavaliere Fabrizio Carafa dei duchi di Andria, uomo di rara bellezza e incontrastato valore. Diventeranno amanti felici e sempre più sconsiderati.
Miranda ci porta per mano a scoprire le ragioni e i motivi profondi che  spinsero entrambi a una sfida estrema per confermare il proprio legame di fronte al mondo. Nonostante il marito e la Storia abbiano cercato di cancellare Maria D’Avalos e la sua vita, questo romanzo le ridona luce.
Per saperne di più
www.scritturascritture.it

RISPONDI