Un evento speciale per l’undicesima edizione di AstraDoc. Viaggio nel cinema del reale che comincia oggi, venerdì 15 novembre, alle 20.30 al’Astra di via Mezzocannone 109.
La rassegna di cinema documentario (articolata grazie alla  collaborazione di Arci Movie, Parallelo 41 Produzioni, Coinor e Università “Federico II” – con il patrocinio del Comune di Napoli) propone come primo appuntamento  Conversazioni su Tiresia di  Roberto Andò e Stefano Vicario, tutto incentrato sullo spettacolo teatrale scritto e interpretato da Andrea Camilleri(foto)e diretto da Roberto Andò, andato in scena in una sola data al teatro greco di Siracusa l’11 giugno 2018.
Andrea Camilleri, protagonista per la prima volta sul grande schermo, di un viaggio tra mito e letteratura sulle orme dell’indovino Tiresia alla ricerca dell’eternità. “Chiamatemi Tiresia!”.
Si apre così un racconto mitico, pensato, scritto e narrato dallo scrittore siciliano che “cunta” la storia dell’indovino cieco, le cui vicende attraverso i secoli si intrecciano a quelle dello stesso scrittore.
Spiega Andò che parteciperà alla proiezione: « Accompagnare Andrea Camilleri nel corso del suo viaggio verso Siracusa, per il suo ritorno al teatro greco nella veste inedita di attore-testimone, oltre che di autore, è stato un immenso privilegio di cui gli sarò sempre grato. Lungo le tappe di questo viaggio, iniziato con il poderoso lavoro di rilettura delle fonti compiuto da Andrea, e poi con la fase delle prove, ho vissuto momenti tra i più emozionanti della mia carriera di regista. Vederlo all’opera, seguire la liturgia delle sue mattine, spiare il suo modo di muoversi tra oggetti e volti che non vede, ascoltare le sue intonazioni per pronunziare i versi amati di Dante o di Eliot, è stato un regalo di cui profitterò a lungo».
AstraDoc continuerà fino all’aprile 2020. Venerdì 22 novembre ci sarà in prima visione a Napoli lo spettacolare documentario, presentato alla Berlinale,  Johm Mcenroe. L’impero della perfezione di Julien Faraut  che coniuga tennis e linguaggio cinematografico attraverso una straordinaria documentazione realizzata dal regista sulla partecipazione del grande John McEnroe al Roland Garros di Parigi del 1984.
Il 29 novembre The cave di Feras Fayyad premio del pubblico al recente Toronto Film Festival, che ci porta nel baratro in cui è sprofondata la Siria, questa volta attraverso gli occhi di un gruppo di giovani medici che nell’ospedale sotterraneo di Eastern Ghouta, vicino Damasco, cercano di curare i bambini e gli adulti colpiti dai bombardamenti e dalle armi chimiche.
Per saperne di più
https://www.facebook.com/astradoc/
https://www.arcimovie.it/

RISPONDI