Sabato in biblioteca, nel cuore del centro storico di Napoli. Ogni primo fine settimana del mese. Nella struttura dell’antica Università Federico dall’antica memoria di cui la Bun è custode. Restituita alla città, da gennaio le visite guidate (che partono dal bellissimo cortile del Salvatore) registrano piena adesione dei cittadini che desiderano afferrare l’identità di un luogo non solo suggestivo ma anche ricco di importanti collezioni librarie.
E sabato 7 settembre, alle 10.30, il rituale si ripete con una marcia in più. La  pièce  a cura degli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Napoli, scuola di Scenografia, diretti da Tonino di Ronza, che ripercorrerà alcune vicende della storia e dei personaggi legati ad un luogo ancora poco conosciuto della nostra città.

Qui sopra, la Castellano negli anni 30. In alto, con i suoi colleghi.
Qui sopra, la Castellano negli anni 30. In alto, con i suoi colleghi. Per gentile concessione della Bun


Protagonista della visita teatralizzata sarà Maria Giuseppina Castellano Lanzara, storica direttrice della Bun tra il 1936 e il 1965, che verrà interpretata da Federica Mazzaro:  sarà lei stessa a nararre i momenti più rappresentativi della biblioteca durante la sua direzione e a condurre i visitatori in un viaggio nel tempo, facendoli tuffare nella Rivoluzione Partenopea del 1799.
Eleonora Pimentel Fonseca, Domenico Cirillo, Gabriele Manthoné, i cui busti sono collocati lungo il loggiato monumentale della biblioteca (con altri personaggi) rivivranno tra musica, famosi canti  e villanelle.
Accanto ai ragazzi dell’Accademia, Valentina Iaconetta, Angela Salvio, Carmen Carnevale, Vincenzo Prezioso, Elena Cecere, Asia Di Palma, Dalila Blasio, Nicoletta Esposito, alcuni attori professionisti: Simona Crasto, Andrea Di Ronza, Mario Di Nardo, Nicola Russo.
Brani musicali live eseguiti da: Giovanni Chiummariello, Massimo Renzetti e Asia Di Palma. L’evento si inserisce nelle manifestazioni della rassegna Estate a Napoli promossa dal Comune. Per sabato, prenotazioni esaurite. Ma resta la  possibilità di prenotare (l’ingresso è gratuito) nei prossimi mesi per passeggiare 2 ore nella Storia.

Il busto di Eleonora Pimentel Fonseca nel loggiato della bibloteca
Il busto di Eleonora Pimentel Fonseca nel loggiato della biblioteca


Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria
Biblioteca Universitaria (Bun)– Via Paladino 39, Napoli
Numero massimo di partecipanti: 25
Info e prenotazioni:
Tel. 0815517025
bu-na.promozioneculturale@beniculturali.it