Un ragazzo di campagna al Teatro Sannazaro di Napoli da venerdì 22 a domenica 24 febbraio. In scena la tradizione con la commedia in due parti di Peppino De Filippo per la regia del figlio Luigi De Filippo (scomparso nel marzo 2018) ripresa da Rosario Giglio. Una produzione I due della città del sole.
“Un ragazzo di campagna” è stata rappresentata per la prima volta al Teatro Nuovo di Napoli nel 1931. La trama ruota intorno alle nozze di Pasqualino e Lucia, organizzate dal fratellastro di lui, Giorgio. Questi, per guadagnare una consistente somma di denaro, si accorda con il padre della ragazza che vuole far sposare la figlia, che ha sempre rifiutato qualsiasi pretendente. A nozze avvenute si scopre che la ragazza è segretamente innamorata di Enrico con il quale fuggirà dopo che costui avrà malmenato Giorgio.
Sul palco, Tina Scatola, Geremia Longobardo, Massimo Pagano, Pierluigi Iorio, Grazia Carrino, Antonio Intorcia, Carmen Landolfi, Ciro Ruoppo, Stefania Ventura.
Scriveva Luigi: «Rappresentata per la prima volta al Teatro Nuovo di Napoli fu uno dei primi successi dei fratelli De Filippo, Eduardo, Peppino e Titina. La propongo al pubblico oggi con la mia regia e interpretazione assieme ad una Compagnia di validi e giovani attori. In questa commedia vi sono i personaggi comici e grotteschi della Napoli dei De Filippo. Una comicità festosa e amara che, sotto l’apparenza della buffoneria, nasconde una sostanza fatta di dolore e sofferenza… Il pubblico si diverte, ma la sua risata non è di semplice evasione ma di apprendimento e riflessione».
Per saperne di più
https://www.teatrosannazaro.it/
In foto, la compagnia in scena