Da anni ormai la febbre di Halloween, la festa della zucca tagliata, è scoppiata anche in Italia. E Napoli, superata l’emergenza Covid, fa anche quest’anno la sua parte.
Nella galleria borbonica (foto) sabato 30 e domenica 31 ottobre (in due turni, ore 20:00 e 22:00), il tour notturno in zattera. Si accede da via Morelli, n°61 (ingresso pedonale del parcheggio omonimo).
Un avventuroso percorso, raggiungibile attraverso un breve cunicolo, da dove si potranno ammirare alcune lavorazioni idrauliche di eccezionale fattura, oltre alle croci incise nella malta legate al duro lavoro del pozzaro.
L’itinerario sarà arricchito dalla visita del sotterraneo: dopo essere scesi nella grande cisterna attraverso una scala in ferro, si potranno ammirare enormi frammenti di statue, le auto e le moto d’epoca ritrovate sotto i detriti.


La galleria borbonica e gli ambienti caveali limitrofi rappresentano uno spaccato degli ultimi 500 anni della storia di Napoli. La prenotazione è obbligatoria insieme al Green Pass. 
Il bambini possono accedere dai 10 anni compiuti, accompagnati da adulti. Al momento dell’ingresso, per i ragazzi di età compresa tra i 10 ed i 15 anni, è indispensabile l’esibizione del documento d’identità o del codice fiscale.
La leggenda di Halloween è arrivata negli Stati Uniti a metà dell’Ottocento, con l’emigrazione di massa degli irlandesi dovuta a devastanti carestie. Gli emigranti portarono con sé le loro tradizioni tra cui l’usanza di intagliare le rape con la faccia di Jack O’Lantern, il fabbro astuto, avaro e ubriacone, che una sera al pub incontrò il diavolo e che è alla base della celebrazione. Questi ortaggi però non si trovavano facilmente negli States e vennero sostituiti con le zucche.
Per saperne di più
Telefono: 334 11 19 819 (ore 9-18)

RISPONDI