“La riscossa populista” è il libro  edito da Controcorrente, firmato da Emidio Novi che sarà presentato domani, venerdì 25 gennaio 2019, alle 17, a Napoli, al Centro Studi Pietro Golia, in via Renovella 11 (foto). E’ il testo cui stava  lavorando il giornalista parlamentare prima che la sua  vita fosse stroncata da un tragico incidente nell’agosto scorso.
 Interverranno: Gennaro Sangiuliano, direttore Tg2, Adriano Giannola,
presidente Svimez, Alessandro Barbano, presidente Fondazione Campania dei Festival, Lina Lucci, vicepresidente Centro Studi Pietro Golia, Agostino Saselle, sociologo. Modera: Alessandro Sansoni, componente esecutivo nazionale Ordine dei Giornalisti.
Ex direttore del Giornale di Napoli, Novi da alcuni anni aveva dedicato i suoi studi al sorgere del fenomeno populista in Europa e nel mondo e alle diseguaglianze sociali prodotte dalla globalizzazione e dallo strapotere della finanza internazionale. “La riscossa populista” raccoglie il testamento di un intellettuale che sapeva coniugare la profondità del ricercatore con l’immediatezza del giornalista e l’impegno civile del militante politico.
La presentazione si svolgerà nel centro studi che è stato inaugurato durante il periodo natalizio nel Quartiere Mercato, offrendo un respiro culturale a una zona stroica di Napoli che sta cercando di riprendersi da anni di degrado e abbandono.
Il Centro Studi, dedicato all’editore partenopeo, fondatore della casa editrice Controcorrente e straordinario animatore culturale, scomparso a Napoli due anni fa è un’associazione culturale aperta, formata prevalentemente da liberi professionisti, imprenditori, artigiani, giornalisti, scrittori e persone libere, nata con lo scopo di svolgere attività culturale e fornire strumenti di studio e di analisi al mondo politico, sociale, imprenditoriale ed economico.
Obiettivo: dare opportunità alle nuove generazioni, soprattutto agli universitari. All’interno della sede c’è uno “spazio giovani” per organizzare pubblici dibattiti, serate di musica e cabaret. Un’occasione per offrire visibilità  a tanti giovani talenti  meridionali. Una corposa e qualificata libreria fa da cornice ai circa duecento metri quadri della sede.