In questi giorni di caos e panico così come nel periodo peggiore del lockdown ancora una volta l’arte ci viene in soccorso, ci salva dalla monotonia di una vita grigia. Immaginate come sarebbero le nostre serate casalinghe senza quel film particolare, quell’album uscito l’altro giorno e senza la pittura, la scultura o un buon libro, magari proprio un libro d’artista . 
Dovremmo ricordarcelo ogni volta che qualche politicante di turno vuol farci credere che non è importante. Ci sono per fortuna gli spazi dedicati all’arte che ci aiutano a sopportare il peso di un periodo strano che sembra non finire mai e tra mille difficoltà, prenotazioni e visite scaglionate possiamo girare per la nostra città, con la nostra bella mascherina sempre in volto e il gomito alzato, non come piace a noi, ma pronto per un saluto volante.


Lode e ammirazione per tutti gli artisti e i lavoratori dell’arte che ci provano ancora e continuano a mettersi in gioco, ci vuole coraggio in questo clima di limitazioni a presentarsi al pubblico con uno spettacolo a teatro, con tutte le restrizioni del caso o con una mostra in galleria.
E questo lo sanno bene Gennaro Ippolito e Giovanna Donnarumma che presentano addirittura un’esposizione di libri d’artista.  Negli spazi del vascio laboratorio di Lineadarte Officina Creativa hanno inaugurato la seconda edizione della rassegna di arte erotica “Il piacere dei libri”
Una kermesse, in collaborazione con il Comune di Napoli e l’assessorato alla cultura e al turismo,  che porta nella nostra città più di settanta opere tra autori nazionali e internazionali. Partenope nel mondo attraverso il piacere corporeo, come Pompei prima ancora.
Un omaggio, quello dei due curatori e artisti partecipanti,  per ricordarci da dove veniamo e sapere con più chiarezza dove stiamo andando. Le nostre radici sono importanti e se è vero che non bisogna mai tornare indietro nemmeno per prendere la rincorsa, ogni tanto è cosa buona e giusta fermarsi a pensare a tutta la strada che abbiamo fatto per arrivare fino a qui.
Anche solo per trovare la forza per continuare a combattere e andare sempre più avanti nella lunga strada che stiamo facendo, lunghissima come quella che vogliamo per Giovanna Donnarumma e Gennaro Ippolito, per il loro impegno e la voglia di far conoscere al grande pubblico forme d’arte relegate di solito ad ambiti ristretti, come può essere il libro d’artista. Quest’opera nasce dalla rilettura in chiave artistica del concetto stesso di libro, può essere un unico esemplare o anche a tiratura limitata. Nasce con le avanguardie artistiche del 900 e solitamente i libri sono realizzati in tecniche miste che prevedono anche l’uso del collage. È strettamente legato al mondo della poesia visiva e dell’arte postale.
Una delle caratteristiche più affascinanti è la partecipazione diretta del pubblico. Ogni visitatore è invitato a sfogliare e toccare il libro, a immergersi nelle pagine per sentirne l’odore e percepirne l’essenza, arrivando a sfiorare le superficie talvolta scabrose, altre volte lisce e vellutate. Forse anche da questo nasce l’idea di unire l’arte erotica al libro d’artista.


Non c’è quasi niente di più sensuale ed erotico di poter toccare un’opera d’arte, sentirne la tensione e la passione che l’artista ha messo nel realizzarla. È un’estasi contemplativa? Di più. È puro piacere corporeo. Non è facile decidersi e così a noi spetta il compito di prendere posizione, anche più posizioni e andare in galleria , al Vascio Laboratorio di Lineadarte Officina Creativa e farci scorrere tra le mani questi corpi denudati, questi libri d’artista da poter sfogliare. Farli nostri anche per una volta soltanto, in un rapporto d’amore fugace che però resterà sempre con noi. Almeno fino alla prossima mostra.
©Riproduzione riservata 

Artisti protagonisti:

Benna – Marco Bevilacqua – Rovena Bocci – Angela Caporaso – Antonio Carbone – Antonio Cariola – Umberto

Carotenuto – Rosaria Cecere – Daniela Chionna – Cobàs – Maria Grazia Colonnello – Pál Csaba – Giampietro

Cudin – Anna Maria Cutolo | Fabien Claude – Maria D’Apuzzo – Gianfranco De Micheli Concetta De Pasquale

– Lucia Di Miceli – Marcello Diotallevi | Georges Wolinski – Majka Dokudowicz – Giovanna Donnarumma –

Emily Joe – Maurizio Esposito – Sara Fedeli – Federica Feleppa – Laura Felici – Echenique Felipe Alarcón –

Ilaria Feoli | Ivan Piano – Francesco Festa – Ilde Gadoni – Luigia Giovannangelo – Salvatore Giunta – Kevin

Hristo – Gennaro Ippolito – Benedetta Jandolo – Erika Ledonne – Silvana Leonardi – Lidia Letizia – Stefania

Liccardo – Oronzo Liuzzi – Cinzia Lo Russo – Ruggero Maggi – Marcela Makrucz – Maria Manna – Michele

Marrocu – Maria Grazia Medda – Monica Michelotti – Annalisa Mitrano – Maryana Myroshnychenko – Emanuel

Palermo – Linda Paoli – Alexey Parygin – Levozan Hilda Paz – Yaguez Pepe – Ilaria Pergolesi – Adriana

Pignataro – Veronique Pozzi Painè – Maria Stefania Reitano – Ina Ripari – Mario Romano – Sabine Rubatscher

– Giovanni Ruggiero – Diego Sabbelico – Sara Savini – Roberto Scala – Natalia Tcilevich – Maria Tirotta –

Adriana Tomasello – Marisa Traettino – Aristotelis Triantis – Ilia Tufano – Diana Isa Vallini – Sonia Vecchio –

Rosanna Veronesi – Claudia Vianello – Pepe Yagües – Lucrezia Zaffarano – Simonetta Zanuccoli.

Per saperne di più
Lineadarte Officina Creativa – Napoli
9/24 ottobre 2020
orario: lun-ven | 16:00-19:00
Sabato su appuntamento
tel. 081 7955877 – 3275849181- 3342839785
(possono variare, verificare sempre via telefono)
Nelle foto, alcune opere in mostra

RISPONDI