Musica e arte in rete per il diritto dei ragazzi alla felicità. Sabato 11 maggio, a Forcella gemellaggio dell’associazione Annalisa Durante con l’orchestra giovanile di Taormina e con i ragazzi del liceo artistico di Castellamonte (in provincia di Torino).
Si comincia alle 10.30 nello spazio comunale Piazza Forcella con un concerto sul tema della felicità, per poi proseguire, alle 12, nella vicina chiesa di sant’Agrippino (foto) con la presentazione della scultura la Meridiana dell’incontro.
Oltre un centinaio i giovani  si esibiranno in questa manifestazione, che conclude il percorso promosso un anno fa dall’associazione intitolata alla vittima innocente di camorra, uccisa quindici anni fa in uno scontro a fuoco tra esponenti di clan rivali. L’iniziativa è stata inserita dall’assessorato alla Cultura del Comune di Napoli nel programma del Maggio dei Monumenti, dedicato quest’anno al tema del diritto alla felicità e l’età dei lumi.
Ci sarà anche Jean-Marie Gervais, membro del capitolo di san Pietro – il collegio di sacerdoti istituito nell’XI secolo per il governo della basilica Vaticana – e presidente dell’associazione Tota Pulchra, dopo il recente incontro in Vaticano tra i genitori di Annalisa Durante e papa Francesco, che, nel garantire la sua preghiera per Napoli, ha incoraggiato l’associazione ad andare avanti con la Baby song – educazione musicale per bambini – e le altre attività promosse in memoria di Annalisa.
Saranno premiati lo studioso Renato Palmieri e l’artista Tullia Matania, che riceveranno dai giovani un riconoscimento alla carriera: il primo per il contributo offerto alle teorie astronomiche sulla fondazione di Neapolis e la seconda per la rilevante produzione artistica e l’impegno sociale profuso nel campo dei diritti umani.
All’evento, parteciperanno, tra gli altri, il parroco di santa Maria Egiziaca a Forcella don Antonio Del Vecchio e le associazioni Zonta, i Ragazzi di Scampia, Manallart, ParteNapoli e Aido. Quest’ultima interverrà in occasione della settimana Partenope dona per ricordare quanto sia importante la donazione degli organi. Donati pure quelli di Annalisa  che  contribuirono a salvare cinque vite umane.