I musei della Campania tornano gradualmente alla normalità. Da oggi, lunedì 1 febbraio, riaprono anche le biglietterie, per incoraggiare e aiutare tutti i settori e gli operatori e i professionisti del mondo della cultura.
Ripartono, quindi, le consuete modalità di prenotazione e acquisto dei biglietti online e presso i ticket point dei musei e dei siti archeologici, che garantiranno visite in sicurezza dal lunedì al venerdì, con esclusione dei weekend e dei giorni festivi, in conformità alle disposizioni del DPCM 14 gennaio 2021.
Il bilancio positivo dell’iniziativa dell’ingresso libero ai musei nelle prime due settimane di riapertura, promossa per riavvicinare le comunità locali ai luoghi della cultura dopo mesi di chiusura, conferma come i musei possano essere punti di riferimento per la ripartenza e luoghi sicuri in cui costruire insieme una nuova quotidianità.
Tantissimi sono stati i cittadini che hanno scelto di visitare i musei napoletani: 2344 visitatori alla Certosa e Museo di San Martino, 2226 a Castel Sant’Elmo, dove nella scorsa settimana ha riaperto anche il Museo Novecento a Napoli, e 827 al Museo Diego Aragona Pignatelli Cortes.
Anche in provincia si fa il pieno d’ingressi: dall’isola di Capri alla penisola sorrentina, fino al nolano, con i 110 ingressi della Certosa di San Giacomo, del Museo archeologico “Georges Vallet” di Piano di Sorrento e del Museo storico archeologico di Nola.
Confortanti pure i numeri nell’intera regione: nel Casertano 657 i visitatori nei Musei archeologici di Alife, Teano, Calatia a Maddaloni, con un picco di presenze al Museo archeologico dell’antica Capua e all’Anfiteatro campano di Santa Maria Capua Vetere, mentre al Teatro romano di Benevento i 244 visitatori quasi raggiungono i 288 dell’analogo periodo dello scorso anno, quando il sito archeologico era aperto anche nei weekend.
Il Museo del Palazzo della Dogana dei Grani nell’avellinese ha accolto 76 visitatori mentre nel salernitano il Museo archeologico della Valle del Sarno, il Museo archeologico di Eboli e della Media Valle del Sele, il Museo archeologico di Pontecagnano e la Certosa di San Lorenzo a Padula hanno accolto 404 visitatori.
Tra i prossimi obiettivi della direzione, nuovi servizi per i visitatori, riallestimenti, piccole e grandi mostre, manutenzione dei parchi e giardini. Prossima riapertura del Museo Duca di Martina nel Parco della Floridiana dove saranno promosse attività di valorizzazione della Sezione orientale e dove sono in programma numerosi interventi nel parco, tra cui la pulizia della Fontana del belvedere con la sistemazione di nuovi approdi per le tartarughe.
Per saperne di più
www.polomusealecampania.beniculturali.it
www.beniculturali.it e sui canali social dei musei

RISPONDI