Progetto/ Chiude il Pan per lavori di ristrutturazione. E diventerà il museo dell’immagine, proiettato verso le nuove frontiere del digitale

0
142

Chiude Palazzo delle arti Napoli. Dopo aver ospitato tante rassegne contemporanee, negli ultimi tempi, un po’ alla rinfusa, il Pan riflette su sé stesso e si avvia, da marzo, verso un anno di di ristrutturazione per ricomporre la propria strategia culturale.
Lo aveva già annunciato l’amministrazione comunale, subito dopo l’elezione del sindaco Manfredi che quegli spazi di via dei Mille sarebbero stati dedicati al Museo dell’immagine. Fotografia, cinema, arte digitale. Ma anche pittura e scultura che dialogano con i nuovi media. Sarà un luogo immersivo che accoglierà mostre e installazioni, nel solco del programma Napoli contemporanea voluto dal primo cittadino e curato da Vincenzo Trione che spiega: «Una struttura che dialoghi con altre realtà museali come Capodimonte o le gallerie d’Italia, il Mann. Ma che lanci anche un originale progetto internazionale».
Con le sale dedicate alle opere d’arte, nel museo dell’immagine ci sarà anche uno spazio riservato ai lavori di arte digitale, non solo un sito espositivo, ma anche un centro di ricerca sulle nuove frontiere del panorama visuale, dotato di un impianto illuminotecnico e di sicurezza adeguato a quelli di livello internazionale.
Durante la pausa delle attività, il pubblico potrà immergersi nel Metapan, piattaforma tridimensionale che consentirà attraverso un avatar di avere uno sguardo sull’arte digitale di nuovi autori, e rimarrà in funzione anche quando riaprirà i battenti la sede di palazzo Roccella per dare il benvenuto a visitatori e visitatrici in carne e ossa.
Per saperne di più
https://www.comune.napoli.it/home

Project/ Pan closes for refurbishment. And it will become the museum of the image, projected towards the new digital frontiers

The Palazzo delle Arti Napoli is closing. After having hosted so many contemporary exhibitions in recent times, the Pan, somewhat in a state of confusion, is taking a look at itself and, starting in March, is heading for a year of restructuring in order to reassess its cultural strategy.
Shortly after the election of Mayor Manfredi, the city council announced that the spaces on Via dei Mille would be dedicated to the Museum of the Image. Photography, cinema, digital art, but also painting and sculpture in dialog with new media. It will be an immersive place that will host exhibitions and installations, in the wake of the contemporary Naples program wanted by the first citizen, curated by Vincenzo Trione, who explains: “A structure that will dialogue with other museums such as Capodimonte, the Mann and the Madre. But that will also launch an original international project”.
In addition to the spaces dedicated to works of art, the Museum of the Image will also include a space reserved for digital works of art, not only as an exhibition space, but also as a research center on the new frontiers of the visual landscape, equipped with a lighting and security system adequate to those of international level.
During the pause in activities, the public will be able to immerse themselves in the three-dimensional Metapan platform, which will allow users, through an avatar, to get a glimpse of the digital art of new authors and that will remain in operation even when the Palazzo Roccella venue, in the heart of the Chiaia district, will open again to welcome visitors.





RISPONDI

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.