Saranno premiati venerdì 5 aprile, alle 11, alla  base navale Acton della marina militare di Napoli gli  scugnizzi a vela. Ovvero quei ragazzi (foto) che hanno partecipato al progetto dell’Associazione Life contro la devianza minorile. L’iniziativa si chiama la “Napoli vera c’è”
e si propone di offrire ai ragazzi, che stanno attualmente scontando un provvedimento di legge, un modello di vita improntato a lealtà, onestà e rispetto reciproco, principi dell’attività marinara.
Ai partecipanti premi consegnati dal comandante logistico della marina militare, l’ammiraglio Eduardo Serra, neo Presidente Onorario Life onlus, dal sindaco di Napoli Luigi de Magistris (cui uno scugnizzo regalerà  la divisa di timoniere dell’equipaggio di Nave Scuola Matteo), dal capo dipartimento della Giustizia Minorile Gemma Tuccillo e dal Senatore Vincenzo Presutto.
Un’occasione per illustrare il progetto con un appello a cittadini e imprenditori che, come McDonald’s e Fucina Italia, credono nella seconda opportunità da concedere a questi ragazzi. Attraverso le attività e il restauro delle imbarcaziono intraprendono una nuova vita professionale grazie alle aziende partner del progetto realizzato nel Cantiere Scuola che si trova all’interno dell’antica falegnameria borbonica, grazie alla determinante disponibilità della Marina Militare e di etici sostenitori
L’iniziativa coinvolge i ragazzi provenienti da famiglie disagiate della Campania, dal Centro di Giustizia Minorile per la Campania, dal Centro polifunzionale di Nisida, dalle Comunità di alloggio l’Aquilotto, Il Germoglio e un’Ala di Riserva: viene così offerto i un percorso di crescita e inserimento nella società . L’iniziativa è in collaborazione con l’Istituto Nautico di Torre del Greco, l’Istituto di moda e design Deste Caracciolo e la Scuola Maria Cristina di Savoia.
Un itinerario d’integrazione che prevede imbarchi sulla nave scuola Matteo,  bialbero in legno di 15 metri, impiegato per la formazione dei ragazzi, in analogia a quanto realizzato nel 1914 nel progetto “da scugnizzi a marinaretti”, nel quale l’allora Ministro della Marina fece dono alla città di Napoli della pirocorvetta in legno Nave Asilo “Caracciolo”, per accogliere gli scugnizzi e trasformarli in provetti marinai. Da circa due anni Nave Scuola Matteo è ospite degli storici cantieri navali Megaride, per l’impegnativo restauro, realizzato proprio dai volontari e “Scugnizzi che partecipano al progetto di integrazione.
In collaborazione con il  Centro di Giustizia Minorile per la Campania – Ministero della Giustizia_Dip.to Giustizia Minorile e patrocinio di Comune di Napoli, dall’Autorità di Sistema Portuale del Mare Tirreno Centrale e dalla Città Metropolitana di Napoli.