Qui sopra, coltivazione con Kora. In alto, la chiesa di Santa Luciella

Cristina è una delle ragazze dell’associazione La Scintilla. Che fa da guida il venerdì alla chiesa di Santa Luciella, un gioiello strappato a spazzatura e degrado, restituito al mondo in tutta la sua bellezza e storia.
Non solo lei, ma anche Andrea, Antonio, Alessia e gli altri. Giovani vite che hanno difficoltà a inserirsi nei parametri intellettivi di questa società ma che grazie all’azione dei volontari si sono perfettamente integrati con ruolo e mansione. Una realtà bellissima e complessa che vale la pena far conoscere ad ampio giro.
Lo sottolinea il presidente Vito Gagliardo: «Il nostro obiettivo è costruire ponti, con cui collegare e creare porte in modo da far superare a chi vive la disabilità emarginazione e solitudine».
Scoprendo talenti
, abbattendo pregiudizi, intessendo reti, con altre realtà associative cone respiriamo arte che ha recuperato per la città la piccola chiesa della Luciella nel cuore antico di Napoli, a ridosso di San Gregorio Armeno, e ne mostra ai visitatori il cimitero nel sotterraneo, abitato da anime sconosciute, tra cui quella che appartiene al teschio con le orecchie.
Ma il ponte su cui cammina La Scintilla è in primo luogo quello costruito con l’ente benefico Pio Monte della Misericordia dove ragazze e ragazzi trovano casa creativa e produttiva.
Di questa realtà del fare in cui sono coinvolti fa parte il progetto Orto in… cultura (coltivazione sociale) con l’associazione Kora ma anche la manifattura di prodotti artigianali .
E adesso la Scintilla lancia un denso programma che comincia domani, 4 giugno, proprio con la visita alla Luciella. Le visite guidate continueranno ogni venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 15.30 alle 17 (prenotazione al numero 3314209045, l’ingresso costa 5 euro).
Giovedì 10 giugno alle 17 spazio alla musica nel salone del Pio Monte: evento organizzato come ringraziamento per la donazione del pianoforte ricevuto dalla famiglia Michilli in collaborazione con Alberto Napolitano Pianoforti. Il concerto inaugurerà il nuovo laboratorio di pianoforte.
Protagonisti, il direttore d’orchestra Bernadette Grana, Dario de Feudis, giovane artista napoletano e studente di piano Jazz al Conservatorio di San Pietro a Majella, e un giovano amico della Scintilla, Gaetano Starace (ingresso gratutito prenotando a  asslascintilla@gmail.com).
Si può scrivere alla stessa mail per prenotare martedì 29 giugno un posto allo spettacolo di maschere  “Chiò chiò parapacchiò” nel sagrato della Basilica di Santa Chiara messo in scena dalla piccola compagnia Orbomu con tutti i giovani della Scintilla guidati dal regista Aniello Mallardo.
Tra i talentuosi della scrittura c’è Toni che ha partecipato alla realizzazione del libro “Linaluna pensa e sogna”(corredato anche di disegni) è il primo lavoro della collana dedicata ai bambini, nata dal laboratorio di scrittura creativa “Le storie dentro…” curato da Luca Mercadante prima e successivamente di Marta Porzio.
Il libro, con l’introduzione di Antonella Cilento, è nato con la collaborazione di inKnot edizioni e grazie al sostegno dell’Accademia Aeronautica di Pozzuoli e al contributo di Meridonare.
L’estate della Scintilla si conclude nello spazio verde messo a disposizione dall’associazione Kora nei giardini della villa vesuviana Barbieri di Portici. giovedi 29 luglio alle 19. Tra suoni e danze. Una festa in armonia con la natura.

.

RISPONDI