Romanzo/ Max Deste racconta il drammatico desiderio di cadere. Jack, un uomo spezzato che tenta di risalire in superficie

0
137

«La mattina seguente, alle dieci, era prevista la prima seduta con Pedro Pablo Vásquez Ochoa, un guaritore, ex ciclista professionista, da pochi mesi in Svizzera. A dire il vero il primario di psichiatria, che mi seguiva durante il ricovero, mi aveva sconsigliato di rivolgermi alla medicina alternativa, perché a suo avviso mi ero perduto in una specie di labirinto e per venirne fuori sarebbe stata indispensabile la psicoterapia, che prevedeva pertanto l’uso, seppur controllato, di farmaci, ansiolitici leggeri come li definì, ma io volevo ritrovare la lucidità […] Avevo quindi bisogno di un guaritore, di un mago, di qualcuno che non si limitasse a rispondere ai miei sintomi con la chimica. Avevo bisogno di qualcuno che andasse più in profondità, raggiungendo le radici del problema, sciogliendole».
Sono le parole di Jack, l’intenso protagonista del romanzo “Il desiderio di cadere” dello scrittore e musicista svizzero Max Deste. Jack è appena riemerso da un periodo di buio e di solitudine: ha trascorso quindici mesi ricoverato in ospedale e ha lottato contro una forte depressione dopo un incidente in montagna in cui ha perso sua moglie Lea, che ormai si trova in coma irreversibile.
Jack è un personaggio complesso e contrastato, e l’autore lo dipinge nelle sue tante sfumature con maestria, permettendoci di conoscere i suoi pensieri più intimi e di compiere con lui un viaggio importante all’interno della sua psiche.
Max Deste ha optato per un linguaggio crudo e privo di orpelli per presentare il drammatico flusso di coscienza del suo protagonista, che è stato appena dimesso dall’ospedale e ancora non sa cosa fare della sua esistenza: «Ero vivo, eppure mi sentivo come un sinistro, patetico e ripugnante antenato».
La mancanza di Lea lo opprime e i suoi problemi emotivi non gli danno mai tregua; a complicare il tutto, inoltre, soffre di una grave disfunzione erettile che lo mette in crisi, soprattutto quando conosce Natalia e pensa di poter trovare ancora un po’ di felicità in un mondo che l’ha tradito e deluso.
L’autore ci racconta i tentativi di quest’uomo spezzato di risalire in superficie: si affida anche a un guaritore per riuscire a venire a patti con quei ricordi che gli impediscono di vivere il presente e di proiettarsi verso il futuro. Sarà un percorso lungo, tra dolore, lacrime e illuminazioni, narrato con sensibilità dall’autore in un’emozionante opera che riserva anche un disorientante finale, tanto duro quanto drammaticamente poetico. (Sabrina Fiori)


IL LIBRO

“Il desiderio di cadere” di Max Deste:
la drammatica storia di Jack.
Gruppo Albatros Il Filo
Collana: Nuove Voci – Strade
Pagine 324ù
euro 14,90

RISPONDI

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.