Il delitto Mattarella secondo Aurelio Grimaldi. Il film del regista di origine siciliana sarà proiettato lunedì 31 agosto alle 20:45 nel Chiostro di San Francesco a Eboli,nel salernitano, per un evento speciale a ingresso libero.
Organizzata da Comune, circolo di Piana del Sele di Libertà e Giustizia e cooperativa Tam Tam la proiezione si inserisce nel TamTamDigiFest, rassegna dedicata alle innovazioni digitali nel racconto audiovisivo, che riprende dopo l’interruzione per l’emergenza Covid.
Il festival, diretto da Giulio Gargia, è realizzato con il contributo dell’assessorato turismo e spettacolo della Regione Campania.
ll 6 gennaio 1980 il Presidente della Regione Sicilia Piersanti Mattarella, fratello del Capo dello stato italiano, Sergio Mattarella, viene ucciso da un killer. A occuparsi delle prime indagini sarà il sostituto procuratore Pietro Grasso cui farà seguito il giudice Giovanni Falcone. Le complicità saranno molteplici e gli esecutori materiali non saranno mai arrestati.
Aurelio Grimaldi nel quarantennale dell’assassinio realizza un film alla vecchia maniera facendo rivivere la memoria del cinema di impegno civile che avuto come riferimenti   LizzaniRosi e  Petri.
Grimaldi ne raccoglie l’eredità e, attraverso la finzione, realizza un documento storico, ricordandoci, con elementi circostanziali in chiusura, come in quel delitto confluissero una molteplicità di interessi non solo mafiosi.
Nel film si citano date e nomi e cognomi e si mostra come non solo all’interno dello stesso partito a cui apparteneva l’integerrimo Mattarella ci fossero noti e meno noti fiancheggiatori della mafia ma come anche il movimento neofascista fosse entrato a far parte dell’efferata macchinazione per favorire l’evasione di un suo leader.
Si arriva fino alla banda della Magliana nel denunciare l’intreccio tra politica, malaffare e criminalità. Nel cast, Antonio Alveario, Claudio Castrogiovanni, Nicasio Catanese, David Coco, Francesco Di Leva.
Info e prenotazioni:
www.tamtamdigifest.it
tamtamcoop@libero.it
0815583263
In foto, una scena del film

RISPONDI