Come diceva George Balanchine, coreografo e danzatore russo, «Lo schiaccianoci è uno dei più bei doni della danza, non soltanto per i bambini, ma per chiunque ami l’elemento magico del teatro: ha un incanto perenne che non dura solo i giorni di Natale ma tutto l’anno».
Sulle splendide note di Pëtr Il’ic Čajkovskij, tra il celebre valzer dei fiocchi di neve e quello magico dei fiori, puntuale come una ricorrenza delle feste natalizie, anche quest’anno fino al 5 gennaio 2020 al Teatro San Carlo di Napoli torna “Lo schiaccianoci”.
La prima rappresentazione in assoluto si tenne a San Pietroburgo nel 1892, considerato da allora come uno dei balletti più amati di tutti i tempi. Una storia incantevole, una fiaba sulle punte che con le sue magiche e dolcissime atmosfere nutre e appaga gli animi sotto le armoniose melodie del grandissimo compositore russo, allontanandoci così dalla quotidianità e regalandoci serenità e spensieratezza. Un racconto favolistico che, attraverso l’illusione, affascina i più piccoli – e non solo – con un unico desiderio: quello di diventare grandi e di realizzare i propri sogni. Un appuntamento irrinunciabile che il pubblico partenopeo sa accogliere al meglio ogni anno, dimostrando che il classico non stanca mai.

Schiacciamoci| ilmondoodisuk.com
In pagina , due momenti dello spettacolo

Il racconto originale de Lo schiaccianoci venne scritto dall’autore Ernest Theodor Amadeus Hoffmann con il titolo Schiaccianoci e il re dei topi. La storia venne rielaborata successivamente da Alexandre Dumas padre e si trasformò in uno dei balletti più incantevoli della tradizione musicale internazionale, danzato sulle note della musica di Čajkovsky.
Il sogno di Clara, protagonista del racconto di Hoffmann, farà sognare ad occhi aperti un po’ tutti, vivendo con lei mille avventure, passando da foreste incantate a regni bizzarri, incontrando i più svariati e divertenti personaggi.
Il balletto è rappresentato in due atti, con la direzione di Karen Durgaryan, la coreografia di Giuseppe Picone e le scene di Nicola Rubertelli, i costumi di Giusy Giustino. L’Orchestra e il Balletto e Coro di Voci Bianche sono del Teatro San Carlo. Partecipano anche gli allievi della Scuola di Ballo dello stesso Teatro San Carlo di Napoli.

Per saperne di più
https://www.teatrosancarlo.it/it/spettacoli/lo-schiacchianoci-2019.html