Arriva a Napoli il collettivo fotografico Universi femminili e si mette in mostra dal 26 gennaio all’8 febbraio nello studio dell’artista Antonio Conte, nel cuore della città, alle spalle di via Foria, non distante dal magnifico orto botanico (mercoledì inaugurazione alle 18).

Qui sopra, foto di Nella Tarantino. In alto, un’opera di Barbara Cannizzaro


Il filo rosso che collega le opere delle tre autrici, Nella Tarantino, Barbaro Cannizzaro, Ljdia Musso è la contaminazione dei sensi in una realtà trasfigurata da un punto di vista femminile. Nascono , così paesaggi interiori che rispecchiano le esperienze vissute da ciascuna fotografa.
Nella Tarantino è architetto e fotografa. I suoi lavori di architettura sono stati pubblicati su riviste e cataloghi nazionali e internazionali. Le immagini esposte sono tratte da due filoni di racconto visivo: Figure di donne e Dolls.
Travolta dalla passione per l’autoritratto, la romana Barbara Cannizzaro che veicola stati d’animo e pensieri. Ma ama anche concentrare il proprio sguardo sulle altre donne nella loro semplicità, senza artifici con le imperfezioni che fanno parte del ritmo della vita, lontano dall’ossessione di omologarsi all’idea stereotipata di bellezza.

Una visione di Lydia Musso


Calabrese, Ljdia Musso, originaria di Catanzaro, specializzata in comunicazione e marketing della moda e dei beni di lusso, gioca non le dissonanze e il nonsenso, da dadaista dell’era digitale, privilegiando il bianco e nero.



.


.

RISPONDI