Nel cuore del Vomero, tra Piazza Fuga e via Cimarosa, da ieri c’è piazzetta Aldo Masullo. La cerimonia di scoprimento della targa toponomastica si è svolta con i familiari del filosofo e i suoi tanti amici, alla presenza del sindaco Luigi de Magistris.
L’intitolazione della Piazzetta al grande filosofo è stata frutto della ferma dell’Amministrazione comunale e della società civile, di numerose personalità del mondo culturale, accademico e istituzionale e con il sostegno della libreria Iocisto.
Iniziativa realizzata dalla commissione toponomastica del Comune in deroga ai tempi previsti, segno di forte riconoscimento per il filosofo che nel 2018 fu nominato cittadino onorario di Napoli. L’intitolazione avviene dopo quella al cantante attore Mario Abbate di un incrocio nei pressi del parco Mascagna.
Polemico, Gennaro Capodanno, presidente del Comitato valori collinari, già presidente della circoscrizione Vomero: «Mentre nell’ambito della municipalità collinare, che comprende i quartieri del Vomero e dell’Arenella, con quasi 120mila residenti, si assiste a uno stato di degrado e d’abbandono che non si registrava dall’ultimo dopoguerra, con strade piene di buche e avvallamenti, alberature stradali non potate e afflitte da parassiti, cumuli di spazzatura quotidiani nei pressi delle campane della differenziata, aiuole con poca erba secca e ingiallita e, ciliegina sulla torta, con le scale mobili sia di via Scarlatti e che di via Cimarosa anche oggi chiuse al pubblico, si continua, in piena campagna elettorale, con lo svelamento di targhe  toponomastiche» .

Qui sopra,bloccate le scale mobili di via Cimarosa. In alto, la cerimonia
d’intitolazione della piazzetta a Masullo

      

        .

RISPONDI