Prosegue il ciclo d’incontri sull’Internazionale Situazionista, a cura di Stefano Taccone, presso gli spazi del BAD Museum di Casandrino. Protagonista di questo secondo step, previsto per sabato 2 febbraio 2013, ore 19.00, sar  il relatore Anselm Jappe, filosofo e docente di estetica all’Accademia di Belle Arti di Frosinone nonch autore della prima monografia su Guy Debord. Titolo e perno su cui ruoter  il dibattito è ” La critica dello spettacolo è una critica del capitalismo? Debord interpreta Marx”.
Secondo Guy Debord, lo spettacolo come forma d’arte e di protesta avrebbe dovuto almeno provare a scardinare i capisaldi di una societ  basata sul possesso del capitale e preparare soprattutto l’individuo ad affrontare il suo superamento in vista di una nuova scala di valori e di priorit  con cui confrontare e affrontare la vita. Dopo la sua morte, il pensiero di Debord ha avuto un’interpretazione restrittiva che lo ha confinato ad una mera critica dei mezzi di comunicazione e non al capitalismo in s.
L’incontro si propone di restituire all’autore una chiave di lettura più approfondita del suo lavoro recuperando l’originalit  e il criticismo radicale che costituiscono due punti di snodo del suo pensiero filosofico. L’evento è ideato da Peppe Buonanno, direttore artistico del museo ospitante; a coordinare il dibattito in questa seconda tappa saranno Ilaria Tamburo e Silvia Vicinanza.

BAD Museum
Via Benedetto Croce, 1
80025 Casandrino (NA)
Info e contatti info@bunkerart.org
www.bunkerart.org
In foto, frame de "La societ du spectacle" di Guy Debord