Uno dei modi migliori per fronteggiare una crisi è quello di unire competenze e intenti per dar vita a qualcosa di nuovo. Non stiamo parlando di semplice teoria, ma di una formula ormai consolidata che l’associazione culturale NarteA porta avanti con successo da anni. Percorsi didattici, cura dei rapporti tra pubblico e privato per la gestione del patrimonio culturale ma soprattutto valorizzazione del territorio. Valorizzazione che passa soprattutto per la teatralizzazione delle visite guidate, un format che ha contraddistinto l’associazione sin dall’inizio, come sottolinea Mariano Penza, vicepresidente di NarteA “Ci è sempre piaciuto curare l’aspetto sia della teatralizzazione che della visita guidata, un po’ perch siamo appassionati di teatro e di musica, un po’ perch secondo noi è bello rivivere quei momenti anche dal punto di vista emotivo”.
Proprio per questo il 1 novembre la Cappella Sansevero sar  palcoscenico della seconda edizione de “Il testamento di Pietra”, inedita pièce teatrale curata da Febo Quercia che ripercorrer  la vicenda umana del Principe Raimondo di Sangro poliedrico esponente dell’illuminismo europeo – e della realizzazione del celebre “Cristo velato” a opera di Giuseppe Sanmartino, accompagnando alla rappresentazione scenica una vera e propria visita guidata. Quello della Cappella di San Severo è tuttavia solo il prologo di una tre giorni ricca di appuntamenti, spiega Mariano Penza, presentando ” o biglietto d’ e muorte”.
“La nostra è una sorta di controproposta all’ormai usuale halloween. Nulla contro halloween precisa – però cerchiamo di valorizzare le ricorrenze a noi più vicine, che ci danno più spessore culturale, e per l’occasione ci siamo inventati questo biglietto cumulativo giocando sul ponte di Ognissanti, offrendo uno sconto (35 anzich 42 euro) ai partecipanti”.
Un percorso teatralizzato (acquistabile anche singolarmente) che dalla Cappella di Sansevero si sposter  il 2 novembre alle “Anime Pezzentelle” nella Chiesa di Santa Maria delle Anime di Purgatorio ad Arco, per finire il giorno successivo con “Napoli fantasmi ed altre storie..” lungo il dedalo di vicoli e leggende napoletane. Una formula quella della teatralizzazione che per la seconda edizione si presenta rinforzata, introducendo alcune novit .
Non solo la rivisitazione dal punto di vista emotivo della storia del Principe di Sangro, ma anche e soprattutto un’internazionalizzazione della visita alla Cappella, con l’introduzione delle visite guidate in lingua inglese(12 luglio e 9 agosto).
“La Cappella Sansevero punta a essere sempre più internazionale, e riteniamo che un museo non debba solo custodire cultura, ma che debba anche produrla in qualche modo, fare cultura – spiega il presidente del Museo Sansevero, Fabrizio Masucci – le visite in inglese ci stavano particolarmente a cuore, proprio perch riteniamo che una citt  come Napoli non possa non avere un’offerta completa all’altezza delle grandi Capitali europee”.
Un connubio, quello tra NarteA e la Cappella che punta allo scioglimento degli enigmi nascosti tra le mura dell’opera monumentale dal Principe, dando a Raimondo di Sangro la possibilit  di rivendicare le proprie scoperte e, al contempo, ai visitatori quella di riscoprire le proprie radici.

Per saperne di più
www.nartea.com

La prima visita è in programma il 1 novembre alle ore 18.30 e 19.30. Per il calendario completo consultare il sito.
Per partecipare alle visite teatralizzate (o acquistare ” o biglietto d’ e muorte), è necessario prenotare ai numeri 3397020849 e 3346227785 o inviare una mail con i propri dati all’indirizzo nartea@gmail.com. L’appuntamento con il pubblico è fissato all’ingresso del Museo Cappella Sansevero. La quota di partecipazione all’evento è di 15,00 a persona per gli adulti, riduzione 10,00 dai 12 ai 17 anni, omaggio per i bambini fino a 11 anni.

In alto, nella foto di Marco Venezia, la cappella Sansevero. In basso, il percorso spettacolarizzato