La morte in primo piano. Domani (3 giugno) alle 18 Gianni Pinnizzotto, direttore della Graffiti, presenta il libro “Effetti Collaterali” e contemporaneamente inaugura la relativa mostra fotografica negli spazi del megastore Feltrinelli in piazza dei Martiri. Venti foto in bianco e nero e colore.
Scatti di dolore, di tragedia, di sofferenza. Testimonianze di un antagonismo che finora è apparso irriducibile. Un’agonia che da anni è sotto gli occhi del mondo. Gerusalemme est, Betlemme, Gerico, Ramallah, Hebron, Tulkarem, Nablus e Gaza. Un bollettino di guerra che dieci fotografi, sotto la guida di Gianni Pinnizzotto, hanno voluto raccontare a partire dagli anni della prima intifada fino agli ultimi bombardamenti su Gaza. Tra vittime innocenti soprattutto bambini: 400 hanno perso la vita nell’operazione “piombo fuso” voluta da Israele in nome della sicurezza.
Questi sono gli effetti collaterali di una pace che tarda a venire da oltre mezzo secolo. Non può essere altrimenti, finch non si giunger  ad una soluzione pacifica della contesa fondata sul rispetto del diritto internazionale, a tutt’oggi sistematicamente violato. Il popolo palestinese non è riconosciuto nel suo diritto di esistere con dignit , giustizia e libert . Inaccettabili e condannabili, però, i metodi che certi gruppi hanno scelto per farsi ascoltare. Gli interventi autorevoli e le testimonianze di chi vive in quella terra martoriata sono riportati nelle diciotto pagine di scritti, che accompagnano un reportage di centonovantasei immagini dal forte impatto emotivo ed estetico. E’ il terzo libro che la Graffiti pubblica sul conflitto israelo-palestinese. Il primo, “The Land of Palestine”, ha vinto il primo premio al festival internazionale “Orvieto fotografia 2006”.
Il secondo, “Children of Holy Land” è stato presentato anche a Gerusalemme. La Graffiti da oltre venticinque anni si occupa di informazione nel sociale. Nel 2002 ha vinto il Word Press Photo con un reportage nei campi nomadi a Roma. Per rompere il muro del silenzio, dell’indifferenza, dell’esclusione. Un giornalismo alternativo che fa luce sul sommerso.

“Effetti Collaterali” fino al 30 giugno presso Libreria La Feltrinelli
Via S.Caterina a Chiaia 23 Napoli
lun.- ven. 10-21, sabato 10-23, dom. 10-14/16-21
Info: 0812405411- www.graffitipress.it

In alto, la copertina del volume