Maurizio Barberis H. Thoreau a Napoli. Si è unaugurata ieri la personale dell’artista milanese a cura di Antonio Maiorino Marrazzo. La mostra “Alone” è proposta dalla Galleria PrimoPiano. In esposizione un corpus di 21 fotografie che testimoniano la possibilit  della salvezza attraverso lo sguardo, il vedere come forma di gnosi.
Immagini come simulacri, quindi, doni consacrati agli dei che a loro volta ci ricompensano la salvezza attraverso la conoscenza. Barberis-Thoreau è un artista che possiede il vantaggio di quella riflessione necessaria che, con l’opera d’arte, ci comunica. Egli ci fa, attraverso i suoi occhi, guardare dentro il mondo, cogliendone l’essenziale e a noi trasferendo un’innata qualit  che, unitamente alla tecnica, ci conduce in un rapporto con il creato che altrimenti ci sfuggirebbe per sempre.
L’opera fotografica quale volont  di rappresentare il mondo inquadrandolo in un finito che ci rende la misura del sublime dinamico e lo congela in un sublime matematico. Questa duplicit , apparentemente ossimoro, è in Barberis-Thoreau finalmente esposta e chiarificatrice di quell’antica percezione e definizione della fotografia.

Riguardo l’artista ci sarebbero da dire, però, molte altre cose. Prima di tutto perch la sua formazione e la sua carriera iniziano lontane da casa Maurizio Barberis H. Thoreau, infatti, si laurea a Venezia in architettura presso lo IUAV e fin dagli esordi orienta la propria professione tra arte, fotografia e design, con una particolare attenzione alla consapevolezza delle relativit  della percezione della coppia spazio tempo.
Recentemente, poi, ha affinato la sua ricerca poetica dedicandosi a esplorare le tangenze tra mondo sensibile, mondo della percezione primaria, e sogno, mondo delle affermazioni simboliche. Ma per cosa sta quella “H” puntata? Può risponderci soltanto la sua stessa esperienza, secondo cui agli albori l’artista firmava le sue opere con l’eteronimo Herny Thoureau, che poi utilizzer  anche in seguito, lavorando come fotografo per le più prestigiose testate italiane e internazionali, tra cui Marie Claire Maison Italia e Francia, IO Donna, Interni, Elle Decor Germany.

Fimo al 30 marzo
Galleria PrimoPiano via Foria 118
te.08119560549
Orari visita marted mercoled gioved dalle ore 16.00 alle 19.00 o su appuntamento
In foto, un’immagine in mostra
per saperne di più
www.primopianonapoli.com
oppure il suo indirizzo e-mail primopianonapoli@gmail.com