Un cicerone d’eccezione per la cappella Sansevero. Una volta al mese, sarà lo scrittore ed esperto di esoterismo, nonché autore di thriller tradotti in più lingue,  Martin Rua, ad accompagnare i visitatori lungo le sponde della storia, dell’arte e del mito (in via Francesco De Sanctis 19/21, Napoli).  
Da sabato 28 ottobre per la prima volta, appuntamento con Simboli e segreti della Cappella Sansevero,  che ci farà addentrare nei misteri nascosti nel tempio barocco ideato da Raimondo di Sangro, nel Settecento. L’inedita visita guidata si ispira al libro di Rua Il rituale di pietra. Simboli e segreti della Cappella Sansevero (alóς edizioni, 2015),
Custode di tesori del Settecento, come il Cristo velato, la Pudicizia e il Disinganno, la Cappella deve la sua fama al principe, studioso poliedrico, che si interessò anche di alchimia e fu Gran Maestro della Massoneria napoletana. E nella cappella disseminò tutte le sue conoscenze esoteriche, trasformandola  in un codice simbolico da decifrare.
Sarà proprio questa la mission di Rua: accompagnare il pubblico alla ricerca dei messaggi nascosti, offrendo chiavi di lettura per esplorarne gli aspetti più ermetici. Un’esperienza arricchita da combinazioni di luci che suggeriranno connessioni tra le sculture.
Prossime date, dopo il 28 ottobre: 11 novembre, 15 dicembre, alle 19.30. Cinquanta le persone che potranno partecipare all’eccezionale tour, al di fuori dei consueti orari di apertura. La visita è in italiano e dura 45 minuti circa.
I biglitti si possono acquistare solo online
www.museosansevero.it/it/acquista-online/visita-simboli-e-segreti
Biglietto intero: 16 euro + 2 per diritti di prenotazione
Biglietto ridotto (under 30): 13 euro +2 per diritti di prenotazione
Per saperne di più
www.museosansevero.it
Nella foto in alto, la cappella in uno scatto di marco Ghidelli