Dopo molti anni di timide presenze sulle scene del Massimo napoletano si può, a giusta ragione, affermare che la danza sta conquistando lo spazio che merita. Un Festival della Danza attende tantissimi appassionati che potranno godere delle più variegate forme che quest’arte esprime nelle sue multiformi sfaccettature. Ad aprire la prima edizione del Festival, curato dalla direttrice del corpo di ballo Alessandra Panzavolta, saranno i giovani allievi della che spazieranno dal classico al contemporaneo, come è giusto che sia.

“Oggi i giovani che si apprestano allo studio della danza afferma la direttrice della scuola di danza devono conosce sia le tecniche della danza classica che di quella contemporanea”. Il programma della serata inaugurale del 28 ottobre, ore 20.30, preveder  “Le Corsaire” di Lord Byron, con la coreografia di Anna Razzi, Troy Game di Robert North che mescoler  insieme virtuosismi classici danza jazz e moderna. Concluder  la serata Sogno di una Notte di Mezza Estate su musiche di Mendelssohn.

Domenica 31 ottobre, ore 18.00, la Giselle, nella versione di Mats Ek proposta con grande successo, gi  durante la scorsa stagione, sar  reinterpretata da Roberta De Intinis e Alessandro Macario insieme all’intero corpo di ballo. Il 13 novembre sar  la volta di Juan Ignacio Duato Brcia, spagnolo di Valencia. "Quello con Duato spiega Alessandra Panzavolta – è solo il primo di una serie di incontri che vedranno il Corpo di Ballo impegnato in creazioni pensate per i nostri artisti. La tradizione del San Carlo ma anche la sua storia recente sono un’eccellenza riconosciuta”.
La presenza di Duato ne è chiara testimonianza. Il coreografo aprir  la serata con “Il mio angelo” su musiche di Philip Glass e Alan Berg. Il Festival si concluder  domenica 21 novembre con il Balletto di Cuba guidato da Alicia Alonso la più celebre ballerina e coreografa cubana. La Alonso interpreter  Didone Abbandonata con le musiche di Gasparo Angiolini. In scena anche Le Silfidi su musica di Fryderyk Chopin, coreografia di Michel Fokine, ballerino e coreografo russo, leggenda della danza a cui il festival affida l’arrivederci all’anno prossimo, congedo delicato e leggero dedicato ad un mito. Si replica il 23 e il 24 novembre. Ma le attenzioni verso il mondo della danza non si esauriscono qui.

Un grande evento torner  a Napoli per la sua II edizione: è il Villaggio della Danza che sar  allestito nella Mostra d’Oltremare di Napoli, dal 29 al 31 ottobre, sotto la direzione artistica di Giuseppe Carbone. Una tre giorni durante la quale sar  possibile partecipare a master class, workshop e corsi open per ogni genere di danza: classica, contemporanea, hip hop, modern jazz, danze orientali, tango, flamenco, balli caraibici, danze popolari, danze western. Una zona espositiva sar  dedicata agli accessori, ai costumi e a tutto quanto gira intorno al magico e fantastico mondo della danza. Una sezione sar  caratterizzata dalle danze popolari dalla tarantella alla pizzica, passando per il tango e i balli caraibici. Insomma ci sar  davvero l’imbarazzo della scelta.

Novit  di quest’anno sar  il casting che irromper  per le strade della citt  per la realizzazione del VdD Flash Mob che coinvolger  tutti, dai 14 ai 99 anni. A chiudere il festival il 31 ottobre alle 21 sar  il Gal  VdD con compagnie e danzatori di fama internazionale presentato dal giornalista Rai Gianni Milano. Durante la serata sar  assegnato il Premio alla carriera Villaggio della danza alla toile Giovanna Spalice.

Per info:
www.teatrosancarlo.it/it/stagione/balletto.html

o
www.villaggiodelladanza.net

In alto, la locandina dell’evento. In basso, da sinistra, Panzavolta. Alonso e Spalice

LA NOTIZIA – PAOLO PISANTI NEL CONSIGLIO SCIENTIFICO DEL CENTRO PER IL LIBRO E LA LETTURA

Con decreto del Ministro per i beni e le attivit  culturali onorevole Sandro Bondi del 6 ottobre 2010, Paolo Pisanti, presidente dell’Associazione librai italiani – Ali confcommercio-imprese per l’Italia, è stato nominato membro del Consiglio scientifico del Centro per il libro e la lettura del Mibac previsto dall’art. 6 del DPR 25 gennaio 2010 n. 34.

Il Consiglio scientifico svolge funzione di indirizzo nelle materie di competenza del Centro per il libro e la lettura, elabora le linee di attivit  e di intervento dell’Osservatorio del libro, propone al Consiglio di amministrazione del Centro, il programma annuale e pluriennale di attivit , individuando le priorit  strategiche.

Il compito del Centro per il libro e la lettura è di attuare politiche di diffusione del libro e della lettura in Italia implementando tra l’altro "l’attivit  svolta dalle librerie e dalle biblioteche, anche attraverso il consolidamento di quelle gi  esistenti e l’incentivazione all’apertura di nuove librerie e biblioteche di pubblica lettura, con particola     re attenzione alle zone che ne risultino sprovviste".