Napoli, capitale del Gyrotonic®. Al  teatro Politeama.  Tre giorni di master class tenute dall’inventore di questo nuovo metodo di allenamento,  l’ex ballerino Juliu Horvath, Pietro Gagliardi, Elisabetta Carnevale e da tutti i Master trainer della compagnia internazionale,  dall’11 al 13 maggio, dalle  10 alle 13. Il Gyrotonic® si snoda tra danza, yoga, arti marziali, nuoto, attraversati da movimenti sferici.
L’evento arricchisce la messinscena (l’11 e il 12 , alle 21) di Bolero. A journey celebrating Creativity. Lo spettacolo  firmato  proprio da Horvath e prodotto dalla White Cloud Opera, che arriva sotto il Vesuvio  dopo aver riscosso grande successo al Teatro Olimpico di Roma e al Jazz at Lincoln Center di New York.
Costruito su grandi suggestioni, in tre momenti che si snodano in un crescendo fino ad arrivare al passo a due finale del Bolero. Nella parte centrale, ogni singolo componente della compagnia firma un segmento della coreografia. Gli allievi affiancano il maestro buttando fuori emozioni e sogni. Fil rouge di tutto lo spettacolo è la ritualità che genera creatività ed energia positiva.
In ogni attività c’è bisogno di un rito, la ripetizione dei movimenti genera quella pace e quell’equilibrio necessari a vivere. Non a caso la natura è regolata dalla ritualità. Dei cicli. L’obiettivo: il raggiungimento di Verità, Bellezza e Armonia in scena come nella vita.
I biglietti  sono già in prevendita on line: bigliettoveloce.it o al Teatro Augusteo. L’acquisto dà diritto ad una prova gratuita di Gyrotonic®.
Nella foto di Annalisa Bonafede, Elisabetta Carnevale e Jackson Kellogg