L’associazione Carlo Rendano Association ha ospitato venerd 15 maggio presso il Lanificio 25, per la prima volta, dodici importanti Associazioni culturali cittadine che si sono confrontate con le Istituzioni sul tema della cultura come motore di sviluppo sociale ed economico di Napoli.

Tema della prima tavole rotonda, intitolato “Verso il 2013”, ha aperto l’incontro internazionale Napoli connected, organizzato dalla Carlo Rendano Association, dalla Consulta Generale del Forum Universale delle culture di Napoli 2013 e dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli.

Dopo l’intervento di Aldo Masullo, su “Crisi Cultura e mercato”, sono seguite le relazioni di Raimon Ramis della Fundaciòn del Forum Universales de las Culturas di Barcellona, di Paolo Verri Direttore del comitato Italia 150 di Torino 2011, il quale ha dichiarato che entro il 2011 verr  inaugurata una piazza a Torino per la promozione della produzione culturale partenopea, di Bertrand Collette Direttore di Marseille Provence 2013 di Roberto Schmid Presidente del Comitato Scientifico dell’Expo 2015 di Milano e di Leonardo Impegno Presidente del Consiglio comunale di Napoli. Ha concluso Nicola Oddati, Presidente della consulta generale del Forum delle Culture di Napoli 2013. La tavola rotonda è stata moderata da Cecilia Donadio e da Claudio Scamardella.

Durante l’incontro è stato presentato da Tommaso Ariemma il Festival del pensiero emergente che si terr  a Napoli dal 25 al 27 settembre presso l’ex Asilo Filangieri, sede del Forum di Napoli 2013, e presso il Lanificio 25, trasformati per l’occasione in una vera e propria ” cittadella del pensiero emergente” .

La seconda tavola rotonda della giornata, a partire dalle ore 19, ha affrontato il tema delle “residenze di artisti”, strumento ideale di interscambio culturale tra citt  e paesi e di promozione tangibile dell’immagine di Napoli.

Alla tavola rotonda sulle residenze, moderata da Franco Rendano e in cui sono state protagoniste le associazioni culturali partner (Carlo Rendano Association e le Fondazioni Alessandro Scarlatti, Morra, Plart, Premio Napoli, Tramontano Arte, SDN oltre all’Istituto Grenoble, al Locus Solus, a E-M Arts e Libera Scena Ensemble), sono intervenuti Marcello D’Aponte, Assessore al Patrimonio del Comune di Napoli, Martine Segonds-Bauer direttrice dell’Istituto Grenoble, Francesca Boenzi curatrice e direttrice artistica del progetto Expòsito, Milovan Farronato direttore artistico Viafarini di Milano, Elise Florenty artista residente C.R.A..

Al dibattito hanno partecipato, inoltre, Luigi Caramiello docente di sociologia Universit  Federico II, Carlo De Rita docente di sociologia giuridica seconda Universit  Napoli, Igina Di Napoli direttrice artistica Teatro Nuovo Napoli.

Nella foto, da sinistra, Rendano, Florenty, Boensi e Farronato