Napoli si tinge di giallo. Con un pizzico di noir. Per gli appassionati di strange & mistery, “Il pozzo e il pendolo” è un vero e proprio tempio. Cene con delitto, spettacoli teatrali e interminabili file di “Gialli Mondadori”, questo è il menù proposto da Ciro Sabatino e Annamaria Russo, registi, autori e dominus della struttura. Uno spazio caldo e accogliente, situato in un luogo magico piazza San Domenico Maggiore, a pochi passi dalle vie alchemiche, regno un tempo, di Raimondo di Sangro, principe di Sansevero.
Ciro Sabatino a guidarci alla scoperta del luogo.
Quando e come nasce?
“Abbiamo cominciato dieci anni fa semplicemente per un’idea di mercato. A Napoli non esisteva un luogo simile, cos Il Pozzo e il Pendolo nacque per riempire un vuoto. La citt  è strana da questo punto di vista pur essendo stata teatro di molteplici fatti di cronaca nera, non ha sfornato tantissimi scrittori di gialli. Quando aprimmo la sala, l’attenzione fu subito catalizzata. In breve tempo stanammo tutti i grandi appassionati di giallo. Da l è cominciata un’avventura decennale, tra teatro, giochi, cene e weekend con delitto”.
Napoli conta molti appassionati di gialli?
“Si, anche se non esperti con l’ossessione del giallo, come in altre citt . Ecco, ci sono “gli appassionati della domenica”, quelli che hanno sempre amato i grandi classici, Agata Christie, Conan Doe… e che sono felici di trovare un luogo del giallo qui in citt “.
Ospitate la più ampia collezione di gialli italiana…
“Oltre 14mila titoli. Ma al momento non sono tutti in esposizione. Possediamo tutte le collezioni Mondadori, ma anche quelle dei gialli ante guerra. una collezione messa su negli anni, anche grazie alle donazioni di persone che non volevano gettare via i libri. Siamo un po’ il cimitero dei libri dimenticati. Come quello di Zafon…”
C’era una volta “Lo stagno incantato”…
” il punto di partenza. All’inizio esisteva questa casa editrice che si occupava di gialli e da cui nacque un concorso per il romanzo giallo ambientato a Napoli. Ogni anno c’erano un vincitore e quindi la pubblicazione di un libro. Il catalogo contava cinque, sei titoli che cominciammo a promuovere, tentando di mischiare le presentazioni al teatro. La cosa funzionò e i libri cominciarono a vendere bene. Cos capimmo che avevamo bisogno di un unico posto dove presentare i nostri volumi. “Il Pozzo e il Pendolo” esiste per questa esigenza. Poi la casa editrice è scomparsa ed è rimasto solo il teatro”.
Ma l’idea editoriale continua con “La libreria degli inediti”…
” stata una bella parentesi, ma era soprattutto una provocazione. Io e Annamaria veniamo dall’editoria. Eravamo appassionati di letteratura e sempre in guerra contro gli speculatori, gli editori a pagamento. “La libreria degli inediti” arriva a dare una risposta a questo sottobosco dell’editoria che è molto pericoloso.
Sar  ripetuta?
“Di fatto, non è un esperimento finito. La tiriamo fuori a seconda dei periodi. ovvio che avrebbe bisogno di camminare coi suoi piedi. Finch qualcuno non decida a prenderla seriamente in mano, non potremmo gestirla con serenit “.
Riprenderete il gioco “Jack”?
“La seconda edizione è in dirittura d’arrivo, ma saranno i concorrenti a determinarne la durata. Perch finir  quando troveranno la soluzione. La prima edizione è stata un’ossessione. Siamo andati avanti per sette mesi, coinvolgendo oltre 200 persone che giocavano ogni ora, ogni giorno. Un gran bel gioco interattivo, figlio di tutti quelli che facciamo qui da noi”.
Progetti futuri?
“Per Pasqua è prevista la crociera con delitto a Barcellona, dall’11 al 14 aprile. Poi abbiamo un progetto impegnativo e stimolante per l’Orto botanico, a luglio di quest’anno, dove lanceremo un modo diverso di fare teatro”.

Pasqua in crociera… con delitto

Il secondo appuntamento con la Crociera con Delitto si terr  nel weekend di Pasqua, da sabato 11 a marted 14 a bordo della Cruise Roma della flotta Grimaldi, un ‘ponte di lusso’ tra l’Italia e la Spagna. Un weekend “lungo" tutto all’insegna del Giallo, un’indagine da vivere in diretta, cullati dalle onde e accarezzati da un soffio leggero che si chiama paura. Un rompicapo infinito, inestricabile che toglier ‘ il sonno per quattro giorni e tre notti, senza tregua. Una sfida all’intelligenza per un mistero che parte da Napoli e si perde tra le ramblas del magico capoluogo della Cataloa.

La nuova storia che accompagner  gli aspiranti investigatori è intitolata La maledizione della J27. "Il primo fu Johnson, mentre suonava l’armonica. Poi toccò a Brian, galleggiare in piscina. A faccia in giù. Per Janis e Jimmy tutto sembrava gi  scritto. Fu solo quando trovarono il Re Lucertola nella sua vasca da bagno che qualcuno cominciò a pensare al Demonio! Fu allora che si convinsero. Fu allora che cominciarono a chiamarla la Maledizione della J27. Ma ora non ci pensare, guarda stiamo sfiorando le Bocche di Boni            6                  «    oè è á«sptfacio".

I costi della singolare crociera variano, secondo la sistemazione a bordo, da un minimo di euro 250 ad un massimo di euro 400 a persona. Prenotazioni e info tel 0815422088.

Crociera con delitto nel weekend di Pasqua
Il Pozzo e il Pendolo, P.zza San Domenico Maggiore, 3 Napoli
www.ilpozzoeilpendolo.it

Nelle foto, l’interno del teatro e Marco Palumbo in "Paul is dead", spettacolo andato in scena al Pozzo e il Pendolo