E’ iniziato a Napoli, nella sede di Castel dell’Ovo, un evento distraordinaria importanza che pone Napoli tra le citt  più rappresentative nel panorama culturale mondiale. Con 250 delegati giornalisti, provenienti dalla Federazione Russa e da altri 83 paesi. Numerosi gli ospiti illustri, a partire dai direttori delle più importanti testate giornalistiche televisive e della carta stampata della Federazione Russa e di altri paesi. Presenti anche il vertice della Duma, Sergej Naryshkin, la vice-presidente della Knesset Lia Shemtov, il leader della World Association Russian Press, Vitaly Ignatenko e altre autorit  politiche ed economiche del mondo russo. Presente all’apertura dei lavori, il sindaco Luigi de Magistris che ha auspicato il consolidamento di culture differenti, ricchezza della terra, non una minaccia per la sua esistenza.
.
Il congresso della stampa russa in Italia– ha sottolineato nel suo intervento Carmine Zaccaria , presidente dell’ istituto Lermontov, nonch del comitato organizzatore- è appuntamento di prestigio per la citt  di Napoli, che lo ha soffiato a Pechino. E che vede, dunque, rinnovato il grande amore della Russia per le nostre terre. Tutto ciò rappresenta una grande opportunit  di rilancio per Napoli e la Campania”. Zaccaria ha letto le lettere del presidente Napolitano e del cardinale Sepe, giunte al congresso per dare il benvenuto alle delegazioni e augurare loro buon lavoro, nel corso di questi quattro giorni.
Del forum parliamo con Vincenzo Trani (presidente Ivest) che ne mette in evidenza le finalit . “Innanzitutto, diffondere la cultura della lingua russa attraverso interscambi tra strumenti di informazione. E’ un cammino per sviluppare la comunicazione, il confronto con i giornalisti di tutto il mondo, collaborando su nuovi target informativi. Molte le tematiche, a partire dalla pace nel mondo alla libert  di stampa e alla lotta contro la censura. I nostri ospiti potranno godere dell’incantevole panorama e ammirare le bellezze della nostra esoterica citt .”
Sono state anche assegnate onorificenze ai giornalisti della Lettonia, di Israele, della Slovacchia. Le sessioni di lavoro in programma tra Napoli, Procida e Capri saranno intervallate da grandi eventi come la serata di gala al San Carlo, con l’esecuzione di un concerto di musica barocca, la cui realizzazione ha trovato pieno sostegno da parte della sovrintendente del San Carlo Rosanna Purchia.
Previsti, inoltre, un concerto pianistico con un inedito rossiniano dedicato all’isola di Procida e la lettura della Poesia “L’isola di Procida” di Joseph Brodskij che si terr  proprio nel luogo dove Elsa Morante ambientò il romanzo dedicato all’indimenticabile personaggio letterario, Arturo Gerace. Non solo Procida, anche Capri. Qui gli ospiti incontreranno il sindaco e visiteranno i luoghi più suggestivi che continuano a incantare il mondo.

XIV CONGRESSO MONDIALE DELLA STAMPA RUSSA
23 – 27 settembre 2012Napoli – Procida – Capri

Sopra, uno scorcio di Capri dove si svolge parte del congresso