E noi insistiamo, dopo il mandolino e l’Accademia Mandolinistica Napoletana, parliamo ora di pianoforte, tra recupero dello strumento e sguardo al futuro.
“Un pianoforte. I tasti iniziano. I tasti finiscono. Tu sai che sono 88, su questo nessuno può fregarti. Non sono infiniti, loro. Tu, sei infinito. E dentro quei tasti, infinita è la musica che puoi fare.” A. Baricco.

La ditta di pianoforti Alberto Napolitano gode di grande prestigio in citt . Alberto-Antonio-Alberto-Marco e Alessandro, quattro generazioni che a partire dal 1840 hanno lavorato per mantenere la tradizione dello strumento a Napoli, passando per momenti storici completamente diversi.
Al primo piano dell’antico Palazzo Mastelloni, in Piazza Carit , negli ampi saloni di esposizione è possibile trovare pianoforti di tutti i tipi e delle migliori marche. Incontro Marco Napolitano in un momento di grande fermento, tra qualche giorno ci sar  in citt  la III Edizione di Piano City Napoli, precisamente il 9-10-11 ottobre.
Berlino-Milano-Napoli, nel 2010 il tedesco Andreas Kern promuove e realizza il Festival della musica per pianoforte, ma durer  un solo anno. Successivamente il Festival viene realizzato a Milano nella primavera del 2012 e ora è alla IV Edizione. Marco segue il Festival di Milano e pensa di portarlo a Napoli. Sembra quasi impossibile, un’enormit , realizzare un evento di tale portata, ed ecco la parola chiave, sinergia.
Nasce un gruppo di lavoro che si impegna ognuno secondo la propria competenza, per un fine comune, e nell’autunno del 2013 Napoli ha la sua I edizione di Piano City Napoli. Il gruppo di lavoro si fortifica e la sinergia aumenta tra Cristiano Bernardi per il progetto grafico e il coordinamento artistico, Marco e Alessandro Napolitano per la promozione, Livia Grimaldi per il coordinamento organizzativo e il rapporto con le Istituzioni, Elena Ansalone e Carla Picardi per la segreteria organizzativa, Dario Candela per il reclutamento di pianisti di musica classica, Francesco D’Errico per i pianisti di jazz e Francesca Scognamiglio per l’Ufficio Stampa.
Quest’anno oltre alla Fondazione Morra e all’Accademia Musicale Napoletana, un attento assessore alla cultura, Nino Daniele, ha voluto dare l’appoggio del Comune al Festival, diventando il maggior sponsor e organizzando la conferenza stampa che si terr  in Piazza del Plebiscito, marted 6 ottobre alle 11.
Grandi sorprese per l’edizione di quest’anno che si aprir  con “The Column Concert “, progetto di Massimo Fargnoli , presidente dell’Accademia Musicale Napoletana, una performance pianistica di 21 pianoforti che si terr  lungo il colonnato di piazza Plebiscito, venerd 9 ottobre, alle ore 21.15. L’idea di Kern, l’ideatore, voleva i concerti presso le case dei pianisti, in questo Napoli si distacca, verranno aperti i salotti napoletani, circa 60, in vari quartieri cittadini dove i pianisti terranno i loro concerti.
La sede principale del Festival sar  il Complesso di S. Paolo Maggiore, dalle 10.30 alle 20.00 di sabato 10 e domenica 11 si terranno, tra il chiostro e tre sale, concerti non stop. Il Festival avr  una sua ricaduta sul turismo nazionale, cos se si arriva a Napoli in treno, alla stazione Garibaldi probabilmente si trover  un pianista in una libera esecuzione cos come prevede l’iniziativa Street Pianes – Play me, I’m yours, attiva in 45 citt  nel mondo. Poi, in alcune piazze, in alcune chiese, in alcune case sar  un tripudio di musica per pianoforte , un motivo in più per noi napoletani di vivere la nostra citt  e per i turisti di venire a Napoli. A volte, nonostante le notizie date alla stampa, riesce difficile capire come si sviluppa un Festival e cosa fa al nostro caso, ma il gruppo di lavoro sinergico ci ha pensato.
Sul sito www.pianocitynapoli.it è possibile ricevere le risposte alle tante possibili domande. Addirittura il video di un pianista, con un minimo di esecuzione, ci guida nella scelta del concerto a cui assistere. Il 9-10-11 ottobre la luce di un faro sar  puntata sul pianoforte per poterne scoprire e riscoprire il fascino a favore di una socialit  musicale trasversale e nuova.

Nelle foto, in alto, la sala pianoforti della nota ditta partenopea. In basso, Marco Napolitano e il banner dell’iniziativa