Il suo testamento di pietra. Raimondo di Sangro lo ha lasciato nella cappella Sansevero, tempio della sua famiglia e della sua leggenda. Il principe lo racconta con orgoglio a tutti i visitatori, anche in inglese. Grazie all’associazione culturale NarteA, che in collaborazione con il museo, lancia la versione straniera nell’adattamento di Antonio Perna (in scena insieme con Andrea Fiorillo e Valerio Gargiulo), dopo il debutto nell’estate del 2014 (presentata stamattina agli operatori turistici).
Guida che parla inglese (Camilla Tripodi), con irruzioni suggestive di attori nei panni non solo dell’aristocratico scienziato/alchimista/massone, ma anche in quelli dello scultore Giuseppe Sammartino, sconosciuto prima di consegnare ai suoi contemporanei (poi ai posteri) il capolavoro del Cristo velato, tanto commovente da far sorgere intorno a lui il mistero di una composizione magica a opera dello stesso principe. Oppure negli abiti di Giuseppe Salerno, anatomista palermitano che creò da scheletri veri macchine anatomiche dove si svela allo sguardo tutta la geografia del corpo, tra vene, arterie e capillari (di filo metallico e cera colorata). Cos reali da far diffondere la voce che il misterioso Raimondo avesse ucciso due servi (un uomo e una donna) in nome della scienza.

Emozioni forti si mescolano alla curiosit  alimentata dagli aneddoti raccontati da Camilla, interrotta, al momento giusto dagli attori per coinvolgere i visitatori nello spirito del tempo.
E un gioiello architettonico nel cuore della citt  antica diventa scenario teatrale dove prima attrice è la storia. Ogni angolo, dal pavimento (che riproduce il labirinto di difficolt  della vita) all’opera scultorea della Pudicizia firmata dal veneto Antonio Corradini (cui d  il volto la mamma del principe morta quando lui aveva appena un anno), culla il vento del barocco, creando un’atmosfera magica.
Il progetto in lingua straniera proposto da NarteA suggella il successo dell’iniziativa ormai collaudata in italiano, con seimila visitatori dalla sua prima edizione (febbraio 2010) fino a oggi. Un’iniziativa accompagnate da altre che il museo cappella Sansevero promuove per aprire la struttura alla citt  e al mondo, tra letteratura, musica e arte contemporanea. Strategia vincente che l’ha posizionato al terzo posto in Italia, dopo la Galleria dell’Accademia di Firenze e la galleria Borghese di Roma nella classifica di Roma nella classifica di trip advisor. Con lo sguardo rivolto a un futuro sempre più sorridente.

A testament made of stone
Museo cappella Sansevero
via F. De Sanctis 19/21- Napoli
Le tre date estive del 2015
18 e 28 luglio; 8 agosto
Il 18 luglio e il 28 agosto ore 19 e ore 20
il 28 luglio ore 11 e ore 12
Per saperne di più
www.museosansevero.it
www.nartea.com

Nelle foto, tre momenti della visita con gli attori in costume e la guida