Il Comune di Napoli e l’Unicef siglano un Patto per i Giovani . Si è dato il via con un tavolo di coordinamento promosso dai Comitati Unicef Campania e Napoli, coinvolgendo l’Assessorato ai Giovani di palazzo san Giacomo e ben 16 sigle di giovani professionisti, imprenditori, commercianti e associazioni di club service del territorio napoletano, che ha prodotto un Protocollo d’Intesa che prevede innanzitutto la promozione, a livello nazionale, dei principi della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, monitorare l’attuazione dei diritti dei bambini, promuovere nelle scuole, universit  e organizzazioni giovanili (foto), programmi di educazione ai diritti dei bambini, alla cittadinanza attiva e allo sviluppo sostenibile.
«In un mondo sempre più lacerato da antistorici razzismi è fondamentale recuperare i valori della fratellanza e della solidariet  per legare i giovani del mondo Napoli ne ha 400 mila perch insieme, unico popolo della terra costruiscano il futuro delle nuove Citt  nella civilt  dell’amore e dell’umana convivenza».
Il Protocollo d’Intesa vede come primi firmatari del tavolo di coordinamento le più importanti componenti giovanili di Napoli e della Campania, tra le quali l’Unione Industriali, Confcommercio, Confapi, Associazione Costruttori, Ordine dei Giornalisti e degli Architetti, il Forum Regionale della Gioventù della Campania, le associazioni dei giovani Avvocati, Ingegneri, Commercialisti, Farmacisti, Notai e l’associazione Unico Vomero, oltre ai Leo e Rotaract.

Un tavolo sempre aperto ad altre realt  territoriali, tanto da far annunciare alla Presidente Unicef Campania l’adesione dell’Ufficio Scolastico Regionale del Ministero dell’Istruzione.

Il tavolo di coordinamento è aperto alle altre realt  associative territoriali, previa valutazione dello statuto e delle finalit  di ciascuna di esse, che sar  effettuata dai Comitati Unicef Regionale e Provinciale. Il Protocollo sottoscritto avr  durata quadriennale.