Di Artlante e Di.St.Urb, ci siamo gi  occupati diverse volte su questo portale. Il primo è diventato ormai una solida realt  per l’arte contemporanea, avendo gi  da tempo collaborato alla riuscita di diversi eventi a Napoli e nell’area metropolitana. La seconda, distretto di studi e relazioni urbane in tempo di crisi, si pone l’obiettivo di attirare ed aggregare un ampio e diversificato gruppo, costantemente in fieri, di artisti, di critici e curatori, nonch di intellettuali afferenti ad altri ambiti e discipline interessati al confronto con i linguaggi dell’arte, adottando una prospettiva globale, ma prestando la massima attenzione anche al territorio. Entrambe le realt  vanno, dunque, intese come cantieri in cui soggettivit  differenti per formazione e vocazione concorrono nell’articolazione di un discorso sempre suscettibile di nuovi apporti e sconfinamenti, ma anche costantemente fedeli ai due imperativi di fondo, “fare arte e realizzare arte”.

Questa volta, Artlante e Di.St.Urb propongono l’esposizione “Resurrectio/fragments. Tracce dell’immemorabile”
, una mostra che si articola come una istallazione di risonanze tra linguaggi dell’eccedenza memoriale dell’arte. Le pluralit  delle esperienze espressive si incrociano in una relazione di alterit , dove il differente è il riflesso dell’opera critica del linguaggio. Il linguaggio si snoda fino alla “devianza” di una “memoria dimenticata”. Nello sprofondamento dell’abisso “concettuale” affiora risorgendo nelle manifestazioni ri-velatrici e segrete del tempo esposto nei dispositivi spazio-immaginali dell’arte. Tutto avverr  negli spazi di Unusual Art Gallery a Caserta, con inaugurazione il 31 ottobre, alle 18 (fino al 30 novembre).

La mostra, nata da un “Laboratorio di esposizione dell’arte” svolto nel 2014 tra i percorsi di superficie e sotterranei dell’Abbazia di San Pietro a Ruoti in Bucine (Arezzo), “Resurrectio, tracce dell’immemorabile”, nella esposizione di Caserta si compone attraverso le opere degli artisti Francesca Capasso, Franco Cipriano, Antonio Davide, Oppy de Bernardo, Adelaide Di Nunzio, Salvatore Manzi, Maram, Pier Paolo Patti, Ivan Piano, Saffronkeira, Luisa Terminiello, Salvatore Vitagliano, Ciro Vitale.
Un itinerario di rivelazioni, tra apparizioni e risonanze – nella circolarit  d’immagini, forme, gesti, suoni, scritture, voci e materie – compone un palinsesto di accadimenti nei quali si rappresenta come spazialit  del pensiero la trama “polifonica” del gesto artistico; al contempo si attraversa l’ordito invisibile, segreto, delle ombre e degli echi che ne attraversano il senso. Come “stazioni” o “capitoli” avviene una “opera comune” di singolarit  che si annodano in un tessuto di mutamenti e analogie, contrasti ed evocazioni, nell’estrema memoria dell’arte dove il linguaggio può intercettare le tonalit  dell’immemorabile. L’ingresso libero, com’è nella tradizionale visione degli organizzatori, consentir  la più ampia partecipazione a tutti coloro che avranno interesse a vivere un’esperienza artistica avvincente e rivelatrice.

Per saperne di più
Unusual Art Gallery
Via Maielli, 45, 81100 Caserta
Info 3663865889 3343065262 suelidemico@gmail.com
Orario di apertura 17-20
Ingresso libero

Nelle foto, in alto, l’opera di Ivan Piano. In basso, da sinistra, i lavori di Capasso, Di Nunzio e la locandina dell’evento