Qui sopra, la copertina del libro di mari. In alto, Palazzo Reale
Qui sopra, la copertina del libro di mari. In alto, Palazzo Reale

 

Gli autori dialogano con i lettori. Ultima tappa con Michele Mari che chiude la rosa dei finalisti del Premio Napo a confronto con il pubblico in diversi luoghi della città. Lo scrittore presenta il suo libro “Leggenda privata” (Einaudi) venerdì 16 novembre in un doppio incontro: alle ore 10.00 con gli studenti del liceo classico Umberto I, in piazza Amendola, e alle ore 17.00 nella sede della Fondazione Premio Napoli, all’interno di Palazzo Reale. Presente a entrambi gli appuntamenti Domenico Ciruzzi, presidente della Fondazione Premio Napoli.
In “Leggenda privata” Michele Mari passa al microscopio i tasselli di un’intera esistenza: la sua. Il rapporto con i genitori, l’infanzia, l’adolescenza, la scuola e la cultura a Milano negli anni Sessanta e Settanta. E poi, alcune illustri comparse come Dino Buzzati, Walter Bonatti, Eugenio Montale, Enzo Jannacci e Giorgio Gaber. Il risultato è un romanzo di formazione giocoso e serio, ma anche un atto di coerenza verso le ragioni più esose della letteratura.
Il ciclo d’incontri, organizzato da Carmen Petillo, fa da prologo alla 64esima edizione del Premio Napoli, che conferma ancora una volta il suo spirito colto e al contempo popolare: i riconoscimenti, che rappresentano il risultato dei voti espressi da più di 1.300 “giudici lettori”, a partire dalle terne finaliste selezionate da una giuria tecnica, saranno consegnati nel corso della cerimonia in programma martedì 18 dicembre al Teatro Mercadante.

 

 

.