Chiaredizioni/Graphic novel per Dante: emozioni da “Purgatorio” con Cristiano Zuccarini e Ernesto Carbonetti

0
187

Per celebrare i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, Chiaredizioni presenta “Purgatorio di Dante in graphic novel” dello sceneggiatore Cristiano Zuccarini e dell’illustratore Ernesto Carbonetti.
Un’opera pensata soprattutto per i ragazzi che si approcciano allo studio della Divina Commedia, ma anche un’ottima lettura per tutti coloro che apprezzano uno sguardo originale e fresco su uno dei libri più importanti della letteratura mondiale. Cristiano Zuccarini sceglie di riportare fedelmente le immortali parole del Sommo Poeta, ed è sicuramente grazie alla sua conoscenza dell’opera che l’illustratore è riuscito a integrare perfettamente le immagini con i versi della seconda Cantica della Divina Commedia.
È stato inoltre di Zuccarini l’arduo compito di scegliere i Canti del Purgatorio da presentare in questo volume: come per la precedente pubblicazione sull’Inferno, anche in questo testo si è optato per una selezione dei Canti più rappresentativi, preferendo dare la precedenza a quelli maggiormente studiati nelle scuole.
Si offre molto risalto ai Canti dell’Antipurgatorio, come il primo, il terzo e il quinto, per poi soffermarsi sull’intenso Canto IX, dove si racconta dell’incontro di Dante e di Virgilio con l’angelo a guardia della porta che separa l’Antipurgatorio dalla prima Cornice, in cui vi sono i superbi: «Noi ci appressammo, ed eravamo in parte che là dove pareami prima rotto, pur come un fesso che muro diparte, vidi una porta, e tre gradi di sotto per gire ad essa, di color diversi, e un portier ch’ancor non facea motto».
Infine, si prendono in esame i Canti X, XI, XII dedicati alle anime penitenti dei superbi e all’incontro con l’angelo dell’umiltà. Ciò che rende il testo un’opera d’arte è l’apporto di Ernesto Carbonetti, che ha consegnato ai lettori delle tavole di grande impatto visivo: ogni immagine è complemento prezioso delle parole e ne sottolinea la forza e la vividezza.
Con uno stile che ricorda vagamente alcune opere del grande illustratore e artista Dave McKean, Carbonetti presenta una visione del Purgatorio che mescola bene elementi inquietanti con sublimi astrazioni e con perfetti esempi di realismo pittorico.
Una scelta coerente con l’atmosfera di questa seconda Cantica, in cui c’è dolore ma anche speranza, in cui c’è l’idea di pentimento e di espiazione in vista della purificazione dai propri peccati e dell’ingresso nel Paradiso.
“Purgatorio di Dante in graphic novel” è un’uscita di notevole interesse letterario e artistico; un’opera da leggere e da ammirare, per ricordare uno dei più grandi autori della nostra storia. (Elvira Fraioli)
©Riproduzione riservata 
“Purgatorio di Dante in graphic novel”
di Cristiano Zuccarini ed Ernesto Carbonetti
Casa Editrice: Chiaredizioni
Genere: Graphic novel
Pagine: 100
Prezzo: euro 18,90


LA NOTIZIA/Il POETA APPRODA NEL TEATRO GRANDE DI POMPEI

Uno spettacolo per il settimo centenario della morte del sommo Poeta.
A distanza di trent’anni dalla sua teatralizzazione del poema dantesco, Federico Tiezzi è chiamato ad allestire tre nuovi spettacoli basati sulle drammaturgie allora fornite da Edoardo Sanguineti, Mario Luzi e Giovanni Giudici.
Dal primo al 3 luglio 2021, per il progetto Pompeii Theatrum Mundi va in scena Il Purgatorio. La notte lava la mente di Mario Luzi. Con Dario Battaglia, Alessandro Burzotta, Giampiero Cicciò, Francesca Ciocchetti, Martino D’Amico, Giovanni Franzoni, Francesca Gabucci, Leda Kreider, Sandro Lombardi, David Meden, Annibale Pavone, Luca Tanganelli, Debora Zuin.
Una produzione Teatro di Napoli – Teatro Nazionale, Fondazione Campania dei Festival – Campania Teatro Festival, Associazione Teatrale Pistoiese, Compagnia Lombardi-Tiezzi, Fondazione Teatro Metastasio con il contributo e il patrocinio del Comitato nazionale per la celebrazione dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri.
Con il sostegno del MIC, della Regione Toscana, dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia.
Il progetto triennale avrà la sua prima tappa in questo 2021 con Il Purgatorio. La notte lava la mente, il testo che elaborò per Tiezzi e la sua compagnia Mario Luzi, uno dei più grandi poeti della seconda metà del Novecento.
Tiezzi ha scelto di iniziare dal Purgatorio perché è la cantica dell’amicizia, dell’arte ma anche la cantica della speranza: quella speranza di cui il momento storico presente ha bisogno più di ogni altra cosa, quella speranza che è volontà di un mondo diverso e anelito e movimento verso una migliore coscienza della realtà. Quella speranza che è trasformazione e aspirazione al bene.


RISPONDI