Un poeta necessario, che fa gridare il  proprio cuore. Giacomo Pietoso, classe 1978, affida ai lettori  un nuovo messaggio dell’anima attraverso un piccolo volume dai colori e dai disegni primaverili di fiori che sembrano scoppiare sui rami, pubblicato dalle edizioni Colorando i pensieri, associazione nata, nel 2016, ad Acerra come l’autore. Curato nei particolari e ispirato dalla linea editoriale che punta alla realizzazione di libri d’arte, il testo entra in empatia  con lo sguardo di chi lo prende in mano, lo sfoglia e lo legge, invitandolo a risvegliare i propri sentimenti.
Il titolo è una frase alla portata di ogni persona “Corri a dirmi che mi ami” (con prefazione di Lina Sastri) e prende spunto dall’omonima poesia all’interno di queste pagine, versi che sollecitano la libertà di amare, lasciando impronte di stelle alle finestre. Un linguaggio semplice ed  emozionale che parla a tutti.

Qui sopra, la copertina del libro. In alto, Giacomo Pietoso con le "sue" editrici al Salone del libro di Napoli che si è svolto a San Domenico Maggiore
Qui sopra, la copertina del libro. In alto, Giacomo Pietoso con le “sue” editrici per il Salone del libro di Napoli che si è svolto a San Domenico Maggiore

L’autore, ipovedente per un incidente  subìto qualche anno fa, che gli ha comunque lasciato la possibilità di percepire sfumature e toni, tanto da consentirgli di collaborare alla grafica della sua pubblicazione, è, come lui stesso si definisce, un uomo sospeso, che vive per metà in una favola, per l’altra nell’abisso. Ma non smette mai di guardare il cielo.
Con questa casa editrice, una delle belle sorprese “regalate” dal nuovo salone del libro di Napoli, organizzato nel Complesso di San Domenico maggiore dal 24 al 27 maggio, ha pubblicato anche “Versi acerrani” in cui le fotografie di Vincenzo Piscopo intrecciano un vigoroso dialogo con le sue parole, viaggiando nel tempo e nello spazio.
E con le editrici Monica Picardi e Anna Esposito, rispettivamente presidente e vice dell’associazione, Giacomo è stato anche protagonista in piazza Castello ad Acerra della seconda edizione di” Poesia in primavera”: per l’occasione è stata presentata un stela in maiolica di Vietri. Sopra è stata incisa un suo componimento poetico. Segnale di speranza in questa nostra realtà italiana spesso attraversata dalla cronaca nera e dalla corruzione di chi mal la governa.
Per saperne di più
https://associazionecolorandoipensieri.weebly.com/

RISPONDI