Napoli, porta del Mediterraneo, apre il suo sguardo alla Palestina: arriva in città il Nazra, il Festival internazionale di cortometraggi. Ancora una volta la città partenopea si conferma capitale italiana dei diritti umani: grazie al lavoro di Sabrina Innocenti, presidente dell’associazione École cinéma. che ha sede nel quartiere di Scampia, e vicepresidente del Nazra, la kermesse itinerante di cortometraggi da e sulla Palestina farà tappa a Napoli dal 21 al 24 ottobre.
Il Festival è  partito da Venezia il 10 ottobre e passerà per Trento, Torino, Milano, Padova, Siena, Roma, Napoli, Bari, Palermo, Catania, Alghero e arriverà a Gaza, Jerusalemme, Jenin, Ramallah, per raccontare le storie e i sogni delle giovani donne combattute tra modernità e tradizione e lo sconforto dei giovani uomini esiliati e senza futuro, la memoria nella distanza e le bombe che incessantemente colpiscono Gaza.
Sessantotto i film in concorso, 18 i finalisti i cui film saranno proiettati a Napoli, 3 i vincitori rispettivamente per le sezioni: fiction, documentary ed experimental, 2 le menzioni speciali: Gender Look e Press Look.
 I cortometraggi girati da registi di numerosi Paesi del mondo consentiranno agli ospiti di conoscere il differente punto di vista delle Nazioni sulla Palestina. Il festival, infatti, nato con la volontà di sostenere e far conoscere le eccellenze della produzione cinematografica palestinese, dà anche spazio allo sguardo di registi internazionali (dall’Italia e dall’Europa, dai paesi arabi e da Israele e dagli Usa) che raccontano in maniera inedita la condizione attuale della Palestina.
In alto, la locandina della manifestazione
Per saperne di più
https://www.facebook.com/nazranapoli/