Artecinema compie 24 anni. E tra le 30 pellicole in programma, per la nuova edizione, ci saranno la prima biografia per il grande schermo su Cy Twombly (foto) il ricordo dei 500 anni delle prime deportazioni di africani in America, i 100 anni del Bauhaus e la nascita della pubblicità moderna. Al centro della rassegna, dunque, ancora una volta  la poetica e  dei maggiori artisti, architetti e fotografi della scena internazionale, nonché l’evoluzione dei linguaggi d’arte. Tutti i film saranno proiettati in lingua originale con traduzione simultanea in cuffia.
Il festival cinematografico sull’arte contemporanea curato da Laura Trisorio, partirà mercoledì 9 ottobre, alle 20, al teatro di San Carlo proprio con la proiezione  del lavoro dedicato a Cy Twombly e del nuovo documentario su Carlo Alfano prodotto da Artecinema. Proseguirà fino al 13 ottobre all’Augusteo di Napoli, dalle ore 16 alle 24.
In calendario, tra gli altri, filmati che delienano i profili di Daniel Spoerri, Yayoi Kusama, Maurits Cornelis Escher, Joan Mirò, Sean Scully, Victor Vasarely, Christo, Luchita Hurtado, Olafur Eliasson.
E poi i riflettori si accenderenno sull’installazione Katastwóf Karavan realizzata dall’artista Kara Walker in collaborazione con il compositore Jason Moran, in memoria della deportazione degli schiavi africani nelle colonie europee; sulla preparazione della mostra A view of a landscape dell’artista Kevin Beasley al Whitney Museum of American Art; sull’affascinante biografia del collezionista d’arte Paul Getty, fondatore del famoso Getty Center di Los Angeles, e della sua famiglia; sul tema della conservazione delle opere d’arte contemporanea secondo il punto di vista di Christian Scheidemann, noto come Art Doctor e considerato tra i più grandi esperti della materia; sui fotografi Cecil Beaton e Stefano Cerio, sull’architetto Mario Botta.
Impegnato come sempre nel sociale, il festival lavorerà  in sinergia con l’Istituto francese Grenoble, la casa circondariale minorile di Nisida, il carcere di Poggioreale, il Comune di Anacapri, con l’Accademia di Belle Arti di Napoli, l’Università e il liceo Suor Orsola Benincasa.
Per saperne di più
www.artecinema.com
.

 

 

 

 

 

RISPONDI