Dea Adventus. È la nuova mostra di Libero De Cunzo curata da Raffaella Morra e Loredana Troise che s’inaugura oggi, sabato 11 dicembre, (ore 17), alla Fondazione Morra Biblioteca per le arti contemporanee (Vico Lungo Pontecorvo 29/d 80135 Napoli). Fino al 15 gennaio.
Gli scatti esposti propongono bellezza catturata dall’iPhone dell’autore che si tuffa in una (infinita) luminosa pausa per allontanarsi dall’emergenza piombata sul mondo.
Nelle immagini, i luoghi sono ripresi nella loro essenza, diventando scenario di meditazione: un processo di conoscenza intima, un viaggio del pensiero, nato da una visione.
Nella ricerca fotografica, De Cunzo riesce a recuperare la realtà anche attraverso la memoria: uno svelamento tra ritmi onirici, stupore, meraviglia, nostalgia, dolore. Ritrova, così, tracce di vissuto incise nel cuore.
E le racconta attraverso riflessioni che lo spingono a interrogarsi nei labirinti più remoti della propria coscienza.
Fotografie inedite scandite in 3 capitoli della sua scrittura realizzata con la luce: devozioni- emozioni- ammirazioni che impegnano chi guarda in una sfida di osservazione e interpretazione. Perché la fotografia procede come poesia, si alimenta da una scintilla provocata dall’impatto dello sguardo con l’ambiente.
Può nascere da un suggestivo tramonto, dal bagliore del sole ,dalle impronte nella sabbia, da una mano che sfiora un tessuto… E comunica sensazioni, sentimenti, stupore. L’artista s’identifica con l’esterno e vi proietta la propria dimensione interiore in un’armonioso scambio di energie.
Intenso il percorso espositivo di Libero De Cunzo, tra personali e collettive, anche all’estero. Fondamentale nella sua ricerca fotografica l’esperienza didattica: insegna arte della fotografia al liceo artistico Boccioni-Palizzi e fotografia per l’ambiente e il paesaggio all’Accademia di Belle Arti di Napoli.
Ha promosso numerose iniziative realizzando reportage su architettura, ambiente e paesaggio e ha collaborato con diversi enti e istituzioni. Tra questi: il Ministero per i Beni Culturali, il MAXXI, la Facoltà di Architettura di Napoli, l’Institut François Grenoble, l’Istituto Universitario Suor Orsola Benincasa.

Per saperne di più
www.fondazionemorra.org
www.em-arts.org
www.museonitsch.org
Tel.: +39 0815641655
In copertina, il sentimento del luogo e della luce ritratto da Libero de Cunzo

RISPONDI