Sonate di Bach per violino e clavicembalo obbligato. Domani, domenica 15 maggio (alle 19) nella Chiesa di Santa Caterina da Siena di Napoli Boris Begelman (al violino, è nato a Mosca nel 1983) e Andrea Buccarella (al clavicembalo, romano, classe 1987, foto) in scena per la Fondazione Pietà de’ Turchini.
Il programma, unico nel suo genere, è incentrato sulla figura del compositore e musicista tedesco e sul suo ciclo delle sei sonate “a Cembalo (con)certato e Violino solo”.
Universalmente considerato tra i più grandi geni della musica di tutti i tempi, Johann Sebastian Bach le compose durante il soggiorno a Köthen, tra il 1717 ed il 1723, presso la corte del principe Leopoldo di Anhalt-Köthen, dove aveva preso servizio come maestro di cappella. Proprio a questo periodo sono riconducibili molte delle sue composizioni più celebri, tra cui i “Concerti Brandeburghesi” e la “I Parte delle composizioni per Clavicembalo ben Temperato”.
In questi anni, così prolifici per la sua produzione strumentale, Bach elaborò una forma musicale di nuova concezione ovvero “la sonata concertante per strumento a tastiera e strumento melodico”.
Nel concerto di Napoli, i due musicisti ne proporranno importanti esempi interpretando di questa nuova forma la caratteristica forse più significativa che vede il clavicembalo non più relegato a mero accompagnamento del solista, ma assimilato ad esso con un ruolo di uguale rilievo.
L’incasso della serata sosterrà le attività di Save the Children-Ukraine. Biglietto di posto unico euro 10 (ridotti e convenzioni euro 7).
Prenotazione, consigliata, per email a segreteria@turchini.it
Per saperne di più
www.turchini.it
tel. 081402395

RISPONDI