È tempo di elaborare la nuova stagione teatrale, in ogni teatro partenopeo vengono vagliati progetti e proposte, i cartelloni saranno in gran parte pronti entro la fine della primavera. Al Teatro Tram, via Port’Alba 30, diretto da Mirko Di Martino, uno degli spettacoli in cartellone della prossima stagione verrà scelto dai Visionari.
I Visionari sono spettatori e spettatrici che fanno parte del progetto a carattere nazionale L’Italia dei Visionari, promosso da Kilowatt Festival, festival teatrale di San Sepolcro in Toscana, partner del più ampio progetto europeo BeSpectACTive, adottato quest’anno dal Teatro Tram, primo teatro del sud Italia, unico teatro al di sotto di Firenze che ha pensato di coinvolgere attivamente nel processo decisionale il pubblico.
Il progetto è stato presentato ufficialmente il 16 novembre, quando dal Teatro Tram, in contemporanea con gli aderenti di tutta Europa, in diretta Facebook, si è svolta la giornata europea dello spettatore, una grande festa.
Lo scopo de L’Italia dei Visionari è quello di rompere la barriera invisibile che negli anni si è creata tra pubblico e operatori teatrali, creando una comunità attiva di persone accomunate dalla passione per il teatro.
Ma come si svolge questo particolare progetto per spettatori attivi? Durante i mesi di novembre e dicembre Kilowatt Festival lancia un bando per singoli artisti, compagnie teatrali e di danza allo scopo di raccogliere e selezionare i video dei loro spettacoli prodotti negli ultimi due anni, già messi in scena o inediti. In parallelo i teatri aderenti al progetto raccolgono le adesioni degli spettatori, i Visionari, mediante la compilazione di una scheda di partecipazione.
Alla scadenza del 21 dicembre tutti i video, più di trecento spettacoli, sono stati caricati sulla piattaforma ilsonar.it e messi a disposizione dei Visionari.
I Visionari sono persone di ogni genere ed età, non addetti ai lavori, che si incontrano per discutere di teatro, scambiarsi opinioni e scegliere, mediante varie fasi di selezione, lo spettacolo che desiderano vedere in scena presso il teatro adottante, a Napoli il Teatro Tram.
Organizzati in sottogruppi spontanei, si incontrano nel foyer del teatro (foto) per condividere i pareri e l’andamento delle visioni. Ogni mese si svolge un incontro decisionale durante il quale si seleziona la lista di spettacoli scelti, da trecento si passa già a trenta e poi a quindici, fino a giungere a fine aprile a selezionare di comune accordo un unico spettacolo. Nell’arco di svolgimento del progetto al Tram vengono organizzati incontri di discussione e workshop di analisi degli spettacoli con a seguire brunch.
Partecipare ai Visionari permette di conoscere il lavoro di compagnie teatrali e di danza di tutta Italia, incontrare persone con cui condividere la propria passione ed entrare in contatto, grazie agli eventi interni promossi dalla direzione artistica del Tram, con le dinamiche del teatro indipendente.
Gli aggiornamenti sul progetto si possono seguire mediante la pagina Facebook del Teatro Tram, per info sul prossimo bando è possibile scrivere a tram.visionari@gmail.com.
©Riproduzione riservata 

RISPONDI